Passa ai contenuti principali

Khanimambo!

Khanimambo è la parola ronga (una delle lingue più parlate nel sud del Mozambico) per dire "grazie" ed esprime bene il sentimento che nutro dentro di me dinanzi alla nuova "avventura" che Dio mi chiama a vivere con questo popolo. 
Mi trovo in Mozambico da tre mesi e sento di essere già parte di questa realtà. E' proprio vero che il missionario ha per casa il mondo e che è chiamato ad essere fratello di ogni uomo. 

Domenica ho celebrato la messa nella cappella di S. Agostino, una delle sette comunità che formano la nostra parrocchia SS. Trinità.
S. Agostino è una cattedrale stile "natura", un nuovo stile artistico che ha per scultore, architetto e pittore... lo stesso Signore!
Il pavimento è di pura e finissima sabbia, il tetto un bellissimo cielo, terso e trasparente quando c'è il sole, o un soffice materasso di nuvole che assumono sfumature cromatiche differenti, a seconda che siano cariche di pioggia o meno. 


Le colonne sono i tronchi delle grandi piante e le volte della navata... i rami degli alberi carichi di verdissime foglie.
L'aria condizionata è più o meno fresca, a seconda della direzione da cui spira il vento! 
Il catino absidale è una tettoria in lamiera sotto cui avviene la celebrazione eucaristica.
Tutto è semplice, povero, umile come a Betlemme eppure lì "accade" tutto il mistero della Chiesa; lì Gesù si fa Parola che salva e Corpo donato. 
Oltre alle sedie in plastica, sulla nuda terra sabbiosa c'è una distesa di stuoie su cui la gente sta seduta in ascolto del "Buon Pastore". E' facile prendere "l'odore delle pecore" e realizzare l'augurio di Papa Francesco per noi pastori!!!

Ho dovuto fare un corso accelerato di ronga per salutare almeno con due parole: zichili vamakweru, "buon giorno fratelli", che ha fatto 'centro'.
E' vero che ogni persona è felice di sentir parlare la propria lingua natale che richiama storie ancestrali e vissuti ancorati nel profondo.
Il cervello è al massimo di apprendistato: tante parole di portoghese da incamerare, tanti nomi di persone da memorizzare, luoghi, strade, informazioni di vita quotidiana...: la sfida da affrontare è bella, entusiasmante e impegnativa, come tutte le "cose" di Dio!
                                                                                           Ciao. p. Antonio

Commenti

Post popolari in questo blog

"Pane della Vita e pane di vita"

Sembrerebbe, a primo acchito, una ridondanza linguistica, ma non lo è affatto! Pane della vita, per noi che crediamo in Gesù Cristo, Figlio di Dio Vivente, Verbo di Dio incarnato, è l’Eucaristia, il Pane per eccellenza che dà la Vita in abbondanza, quella vera, quella che ti riempie, quella che ti sazia, quella – cioè – che tutti cercano ma non sempre trovano! “ Io sono il pane vivo, disceso dal cielo. Se uno mangia di questo pane vivrà in eterno e il pane che io darò è la mia carne per la vita del mondo ”. (Gv 6,51). Nella Casa della misericordia, a Maputo (Mozambico), un centro di accoglienza per ex detenuti in cerca di vera libertà, di vita nuova, abbiamo aperto due mesi fa, grazie all’aiuto della Fondazione delle Arti e dello Spirito , un’Associazione Onlus di Milano, un progetto di produzione di ostie come programma di riscatto e riabilitazione spirituale. Le mani di ex carcerati che si sono “sporcate” con delitti vari, producono il pane eucaristico che i

43 anni: Grazie Signore!

Oggi compio 43 anni e il Signore mi ha permesso di viverli in un modo stupendo: ieri sera, vigilia del mio compleanno, sono stato nella Casa del Gaiato, una casa per ragazzi orfani e abbandonati.  Con Michele Permunian, un amico volontario italiano e Bana, una volontaria spagnola, abbiamo cucinato una pastasciutta con sugo al tonno e una pizza per tutti.  E' stata una festa di allegria,  sorrisi e una scorpacciata per tutti i ragazzi.  Stamane abbiamo spento la candela insieme con il più piccolino della casa. E poi una pioggia di auguri: pace, amore, coraggio, forza e tanti grazie.   Davanti a tanto amore mi è nata nel cuore una parola che si è trasformata in lacrime di gratitudine: Grazie Signore!!!

Date loro "voi stessi" da mangiare

Il brano di San Matteo (14,13-21) - propostoci per la diciottesima domenica del tempo ordinario - è davvero "straordinario"... come ogni pagina del Vangelo! Si tratta della com-passione di Gesù per gli uomini del suo tempo, segno dell'amore folle di Dio per gli uomini di ogni tempo e quindi per noi tutti. Gesù è afflitto per la morte di Giovanni Battista, cugino e profeta antecessore del Messia. Il dolore che sempre tenta di stringere il cuore dell'uomo nella morsa dell'autocommiserazione e del ripiegamento, non riesce a vincere il cuore misericordioso di Gesù che rimane com-passivo. Gesù vede la folla che lo ha seguito a piedi e si commuove, ne sente la passione dolorosa, ne vive interiormente il dramma della fame di Dio e di pane. Si intenerisce e comincia a guarire gli ammalati e quando giunge il momento del congedo, dinanzi alla "avveduta" preoccupazione degli apostoli di rimandare a casa la folla (dicasi folla di 5000 uomini senza cont