Passa ai contenuti principali

Cheias

"Cheias" é la parola portoghese per dire piena, inondazione, acqua in eccesso, allagamento... ma é sinonimo, nell´inconscio del popolo mozambicano, anche di sofferenza, perdita di tutto, insicurezza, povertá e perdita della dignitá. 
I violenti temporali della stagione piovosa hanno colpito anche quest´anno. 
Tante le zone del Paese finite sott´acqua e lasciate a se stesse le popolazioni interessate. 
Anche Maputo, sebbene sia la capitale, sinonimo di maggiore sviluppo, non viene risparmiata da tale flagello. 


Lasciamo parlare le immagini del grande quartiere dietro 
l´immondezzaio di Maputo che ho visitato pochi giorni fa´...


Questa era una strada, in mezzo alle povere case costruite in mattoni fragili, piú sabbia che cemento...








...l´acqua ´
sporca e fetida 
dell´immondezzaio (in lontananza sullo sfondo della foto) si incanala e riempie una conca ove sorgono le case dei poveri.  



Anche i campi, pronti a dare vita con un po´di mais, ingorgati di fango e melma, sono ora una palude di morte!

...circa 1 metro di acqua stagnante che rimane cosí per alcuni mesi, fino a che il liquido melmoso evapora lasciando dietro di sé uno sporco fango che ha cancellato i sogni di tante famiglie che sopravvivono in questi luoghi inospitali.  



Una delle case
che non ce l´ha fatta ed é caduta alle 23.00 di notte 
a causa dell´acqua 
che ne ha imbevuto le fragili fondamenta. 
Per fortuna (o Provvidenza!!!) nessuno si trova sotto quel tetto che ora fa da pavimento della nuova casa. 
Si, giá, a proposito, i poveri non lasciano la loro catapecchia anche se crollata, perché... sono poveri!



Idem!!!!












Scorcio della stessa casa ove abbiamo incontrato una nonna con 4 nipotini. 
Sul volto la tristezza di chi ha perso tutto e non sa come andare avanti. 
Cosa ho visto?
Un rudere, un angolo con un pezzo di lamiera per ripararsi dalla pioggia che sta cadendo anche mentre sto scrivendo sul blog, una vecchia pentola che gorgogliava con un intruglio e una splendida bambina di circa 2 anni piena di foruncoli che coprivano il suo petto. 



Cosa hai fatto?
Certo, é la domanda piú logica da farsi!
Dopo aver parlato, come comunitá, di questo fragello, abbiamo caricato la macchina con patate, mele e altri doni che la Provvidenza ci ha messo tra le mani per condividere un pó di speranza con quegli sfollati. 
Abbiamo pregato insieme un "Padre nostro". 
Che forza quelle parole: "dacci oggi il nostro pane quotidiano". 
Sí, Padre, dicevo nel mio cuore, dá il pane ai tuoi figli, poveri e ricchi, ma fa´ che chi questo pane ce l´ha in abbondanza, qui in Mozambico e ovunque nel mondo, lo sappia condividere di piú e con piú generositá con chi manca del necessario. 

...La bambina con i foruncoli?
L´abbiamo affidata alle suore di Madre Teresa di Calcutta che vivono nel quartiere e la stanno curando!

Commenti

  1. Grazie per queste immagini e per le tue parole che mi fanno vedere attraverso i tuoi occhi... per non dimenticare.

    RispondiElimina
  2. Grazie Arianna,
    sempre uniti per un mondo più "umano".

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

7 aprile, Festa della donna del Mozambico

Josina Machel (da nubile, Josina Muthemba ), in gioventù, ha integrato il movimento "Fronte di liberazione mozambicano" (FRELIMO) che ha lottato per l'indipendenza del suo paese. Nel 1969, sposò Samora Machel. Morì il 7 Aprile 1971, a causa di una malattia. Con l'indipendenza del Mozambico, questa data è stata istituita come Festa della Donna del Mozambico .
Josina è considerata un modello di ispirazione per il movimento delle donne. Nella lotta per la liberazione del Mozambico, ha svolto un ruolo molto importante. E' stata una delle fondatrici del distaccamento delle donne, Direttrice degli Affari sociali e responsabile della Sezione femminile presso il Dipartimento degli affari esteri della FRELIMO.  A Cabo Delgado, nel nord del Mozambico, era a capo delle donne che si prendevano cura dei bambini rimasti orfani o i cui genitori erano assenti, perchè occupati nella lotta per la liberazione nazionale condotta dalla FRELIMO. 
Affrontando la questione delle donne e del…

Il regalo più bello

Il giorno del mio compleanno, ho vissuto una bella avventura della Provvidenza, lezione di vita che ti porti dentro e sulla quale pensare per molto tempo. 
Permettete che ve la racconti...

All'angolo della strada sterrata della nostra missione, ogni giorno da circa un anno, appare una mamma con il suo bambino "appeso" alle spalle. 
Il bambino si chiama Anderson e la mamma Artemisa. 
Sotto il sole cocente, tra i mulinelli sabbiosi della calura mozambicana o bagnata dalla pioggia stagionale... Artemisa è li a vendere la frutta per tirare avanti la situazione della sua famiglia. Il marito, infatti, ha perso il lavoro. 
Ho invitato Artemisa ad entrare nella nostra casa per mangiare un pezzo di dolce in occasione del mio compleanno. 
Dopo qualche ora viene con il suo bambino "alle spalle" e, appena si avvicina, mi mette tra le mani un pezzo di carta che avvolge un regalo. Lo apro e vi trovo 100 meticais (un euro e mezzo). 
Per Artemisa è il guadagno di una dura giornata di…

Grazie, merci, thank you, khanimanbo, obrigado, gracias, danke, asante...

Tante parole per esprimere lo stesso sentimento di gratitudine
che nobilita il cuore umano e che ci fa veramente figli di Dio: grazie!
Vedendo i molti segni di risposta che tanti di voi,
amici carissimi e fratelli di Comunità,
mi indirizzate,
attraverso la lettura dei post che pubblico sul mio blog, questa sera ho desiderato raggiungervi con il sentimento di gratitudine che sempre abita il mio cuore quando, attraverso questo strumento di comunicazione, possiamo rimanere in contatto a distanza intercontinentale.
Un vostro semplice + o un commento di poche parole su una notizia o una esperienza che ho pubblicato... è per me il segno che vale la pena condividere quanto Dio ci permette di sperimentare nella missione che Egli ci affida.
Quindi, ancora una volta, grazie a tutti e a ciascuno in particolare.
Vi assicuro il mio ricordo nella preghiera. 
P. Antonio