Passa ai contenuti principali

Cheias

"Cheias" é la parola portoghese per dire piena, inondazione, acqua in eccesso, allagamento... ma é sinonimo, nell´inconscio del popolo mozambicano, anche di sofferenza, perdita di tutto, insicurezza, povertá e perdita della dignitá. 
I violenti temporali della stagione piovosa hanno colpito anche quest´anno. 
Tante le zone del Paese finite sott´acqua e lasciate a se stesse le popolazioni interessate. 
Anche Maputo, sebbene sia la capitale, sinonimo di maggiore sviluppo, non viene risparmiata da tale flagello. 


Lasciamo parlare le immagini del grande quartiere dietro 
l´immondezzaio di Maputo che ho visitato pochi giorni fa´...


Questa era una strada, in mezzo alle povere case costruite in mattoni fragili, piú sabbia che cemento...








...l´acqua ´
sporca e fetida 
dell´immondezzaio (in lontananza sullo sfondo della foto) si incanala e riempie una conca ove sorgono le case dei poveri.  



Anche i campi, pronti a dare vita con un po´di mais, ingorgati di fango e melma, sono ora una palude di morte!

...circa 1 metro di acqua stagnante che rimane cosí per alcuni mesi, fino a che il liquido melmoso evapora lasciando dietro di sé uno sporco fango che ha cancellato i sogni di tante famiglie che sopravvivono in questi luoghi inospitali.  



Una delle case
che non ce l´ha fatta ed é caduta alle 23.00 di notte 
a causa dell´acqua 
che ne ha imbevuto le fragili fondamenta. 
Per fortuna (o Provvidenza!!!) nessuno si trova sotto quel tetto che ora fa da pavimento della nuova casa. 
Si, giá, a proposito, i poveri non lasciano la loro catapecchia anche se crollata, perché... sono poveri!



Idem!!!!












Scorcio della stessa casa ove abbiamo incontrato una nonna con 4 nipotini. 
Sul volto la tristezza di chi ha perso tutto e non sa come andare avanti. 
Cosa ho visto?
Un rudere, un angolo con un pezzo di lamiera per ripararsi dalla pioggia che sta cadendo anche mentre sto scrivendo sul blog, una vecchia pentola che gorgogliava con un intruglio e una splendida bambina di circa 2 anni piena di foruncoli che coprivano il suo petto. 



Cosa hai fatto?
Certo, é la domanda piú logica da farsi!
Dopo aver parlato, come comunitá, di questo fragello, abbiamo caricato la macchina con patate, mele e altri doni che la Provvidenza ci ha messo tra le mani per condividere un pó di speranza con quegli sfollati. 
Abbiamo pregato insieme un "Padre nostro". 
Che forza quelle parole: "dacci oggi il nostro pane quotidiano". 
Sí, Padre, dicevo nel mio cuore, dá il pane ai tuoi figli, poveri e ricchi, ma fa´ che chi questo pane ce l´ha in abbondanza, qui in Mozambico e ovunque nel mondo, lo sappia condividere di piú e con piú generositá con chi manca del necessario. 

...La bambina con i foruncoli?
L´abbiamo affidata alle suore di Madre Teresa di Calcutta che vivono nel quartiere e la stanno curando!

Commenti

  1. Grazie per queste immagini e per le tue parole che mi fanno vedere attraverso i tuoi occhi... per non dimenticare.

    RispondiElimina
  2. Grazie Arianna,
    sempre uniti per un mondo più "umano".

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Il piccolo venditore di banane

Ieri, tornando dalla città, mi sono fermato lungo la strada che conduce dal centro di Maputo alla periferia, per comprare delle banane. 
Le bancarelle di frutta sono dei carrettini tirati dalle persone, stazionati lungo la strada uno dietro all'altro. 
Da lontano ne scelgo uno a caso. Avvicinandomi con la macchiana, intravedo un uomo seduto su di un muro, con il carrettino a pochi metri, e penso sia lui il proprietario. Normalmente all'avvicinarsi di un cliente, questi venditori subito corrono per non perdere l'occasione di vendere.  
Stranamente il mio non si muove. Fermo la macchina e lo guardo per pochi secondi, chiamandolo con lo sguardo meravigliato per il fatto che non si avvicinasse. 
Mentre guardo indietro fissando quell'uomo, mi appare dal finestrino della macchina un pezzo di volto di un bambino che, per la poca altezza, non raggiunge neanche il finestrino. 
La mia sorpresa è stata grande quando gli ho chiesto se fosse lui il venditore di banane. "Si" - …

Non lo so!

Giorni fa, durante una visita al carcere di Marracuene con alcuni volontari giunti dal Portogallo, ho chiesto ai carcerati di presentarsi, dicendo il loro nome, la provenienza e l'età. 
Francisco (pseudonimo) dopo aver pronunciato poche parole di presentazione nella lingua locale, il ronga, dice il suo nome, la provienienza e abbassa la testa. 
Alla mia domanda sull'età, risponde con una frase che mi ha agghiacciato: "non lo so!". 
Sempre pensi che la povertà è una  brutta bestia perchè significa non avere cibo, casa, vestiti, cultura ma... a volte essa ti soprende per la sua forza distruttrice. 
Non conoscere l'età significa non sapere quando sei entrato in questo mondo; 
è un pezzo della tua dignità di essere umano che ti manca. 
Non sapere il giorno della nascita significa non poter mai aspettare quel giorno che si chiama "compleanno" per gioire in modo speciale della tua vita, non sapere quando gli altri ti fanno gli auguri per il dono che sei in questo m…

Banana-Bacela

Tornando dalla città, oggi, mi sono fermato a comprare delle banane ad una bancarella. 
Mi ha accolto un giovane con un bel sorriso, coperto con un cappuccio, per proteggersi dal freddo dell'inverno mozambicano. Un grande vento sollevava un polverone di sabbia che avvolgeva la bancarella. 
Mi ha venduto le banane e, prima di ripartire, è andato dietro la bancarella a cercare qualcosa. 
Si è riavvicinalo allo sportello dell'auto e mi ha porto una bella banana, dicendo: "isto é bacela" (questo è un regalo). 
La banana offerta da un giovane che sta tutto il giorno al freddo, in mezzo ad un polverone; un giovane la cui speranza di vivere è legata alla vendita di quel numero di banane...; un giovane che lotta per strappare la vita dalla miseria... eppure é capace di offrire una "bacela". 
L'ho ringraziato e ho continuato la mia strada, mangiando quella banana-bacela e mentre la commozione prendeva il sopravvento mi sono ricordato della parole di Gesù: "l'…