Passa ai contenuti principali

Fior di loto

Questa mattina sono stato a celebrare la messa nella casa delle suore di Madre Teresa di Calcutta, dietro alla grande lixeira (immondezzaio) di Maputo.
Dopo la pioggia violenta degli ultimi giorni, la zona della lixeira è ancora piena di acqua stagnante e sporchissima, nera per via del fango e dei detriti (di ogni genere!) che sono disseminati in questa zona.
Mentre osservo i volti delle persone che camminano assorte in varie preoccupazioni,  rimango interiormente “folgorato” dal sorriso innocente dei bambini che giocano tra quella sporcizia, avvolti da un manto di gioia inspiegabile. 
Uno di loro mi ha guardato e, come si  fa qui in Mozambico per salutare rapidamente e a distanze che non permettono di usare la parola, ha sollevato il piccolo pollice in segno di “OK”. 
Dietro quella manina, splende un sorriso più bello del sole che illumina il cielo di oggi.
Mi è venuto in mente il “fior di loto” che nasce sull’acqua stagnante...
Quei bambini sono “fiori” nati e cresciuti sui resti (immondizia) della grande Maputo: uno stagno di scarti… eppure meravigliosi, con quel sorriso innocente e puro che cattura l’anima di chi lo riceve. 

Commenti

Post popolari in questo blog

Grazie, merci, thank you, khanimanbo, obrigado, gracias, danke, asante...

Tante parole per esprimere lo stesso sentimento di gratitudine
che nobilita il cuore umano e che ci fa veramente figli di Dio: grazie!
Vedendo i molti segni di risposta che tanti di voi,
amici carissimi e fratelli di Comunità,
mi indirizzate,
attraverso la lettura dei post che pubblico sul mio blog, questa sera ho desiderato raggiungervi con il sentimento di gratitudine che sempre abita il mio cuore quando, attraverso questo strumento di comunicazione, possiamo rimanere in contatto a distanza intercontinentale.
Un vostro semplice + o un commento di poche parole su una notizia o una esperienza che ho pubblicato... è per me il segno che vale la pena condividere quanto Dio ci permette di sperimentare nella missione che Egli ci affida.
Quindi, ancora una volta, grazie a tutti e a ciascuno in particolare.
Vi assicuro il mio ricordo nella preghiera. 
P. Antonio  

"Pane della Vita e pane di vita"

Sembrerebbe, a primo acchito, una ridondanza linguistica, ma non lo è affatto!
Pane della vita, per noi che crediamo in Gesù Cristo, Figlio di Dio Vivente, Verbo di Dio incarnato, è l’Eucaristia, il Pane per eccellenza che dà la Vita in abbondanza, quella vera, quella che ti riempie, quella che ti sazia, quella – cioè – che tutti cercano ma non sempre trovano!
Io sono il pane vivo, disceso dal cielo. Se uno mangia di questo pane vivrà in eterno e il pane che io darò è la mia carne per la vita del mondo”. (Gv 6,51).

Date loro "voi stessi" da mangiare

Il brano di San Matteo (14,13-21) - propostoci per la diciottesima domenica del tempo ordinario - è davvero "straordinario"... come ogni pagina del Vangelo! Si tratta della com-passione di Gesù per gli uomini del suo tempo, segno dell'amore folle di Dio per gli uomini di ogni tempo e quindi per noi tutti. Gesù è afflitto per la morte di Giovanni Battista, cugino e profeta antecessore del Messia. Il dolore che sempre tenta di stringere il cuore dell'uomo nella morsa dell'autocommiserazione e del ripiegamento, non riesce a vincere il cuore misericordioso di Gesù che rimane com-passivo. Gesù vede la folla che lo ha seguito a piedi e si commuove, ne sente la passione dolorosa, ne vive interiormente il dramma della fame di Dio e di pane. Si intenerisce e comincia a guarire gli ammalati e quando giunge il momento del congedo, dinanzi alla "avveduta" preoccupazione degli apostoli di rimandare a casa la folla (dicasi folla di 5000 uomini senza contare donne e ba…