Passa ai contenuti principali

Omaggio ai papà

Io piego le ginocchia davanti al Padre,
dal quale ogni paternità 
nei cieli e sulla terra prende nome” 
(Efesini 3,14-15)

19 marzo, festa di San Giuseppe, festa dei papà!


Oggi …
anch'io piego le ginocchia davanti al Padre del cielo che ha concesso all’uomo
il dono di essere un’espressione significativa della Sua paternità
per continuare sulla terra il mistero della paternità del Cielo.

Riconosco la Tua Paternità, Signore, in ogni volto di padre
che dà la sua vita per tutelare la vita.

Grazie a te, papà, che ti alzi al mattino prestissimo,
quando la notte ancora stende
l’ultimo lembo del suo manto,
per cominciare il lungo viaggio che ti porta al lavoro
col solo intento di assicurare
il futuro alla tua sposa e ai tuoi figli.

Grazie a te, papà, che accetti l’umiliazione 
di un lavoro che nessuno farebbe, 
per non far mancare la scuola ai tuoi bambini.
Grazie a te, papà dalle mani callose, 
per il tuo duro lavoro nei campi,
e a te, papà, che accetti di bruciare la tua pelle sotto il sole cocente
per strappare alla terra il grano 
che sazierà la tua famiglia.

Grazie a te, papà che non ti riposi, 
per costruire a forza di sudore,
l'umile casa ove custodire il calore del focolare domestico.
Grazie a te, papà, che prima di comprare le medicine 
per curare la tua malattia,
ti preoccupi di pagare la tassa scolastica del tuo figlio e,
quando il tuo sorriso è diminuito dalla mancanza di uno o più denti,
prima di pensare alla tue cure,
ti preoccupi di comprare le scarpe per il tuo ultimogenito.

E tu, padre sacerdote e fratello consacrato che dai la vita,
nascosto nel tuo umile e quotidiano servizio al Vangelo
per il bene degli uomini…
tu anziano missionario consumato dagli anni e dalla fatica della vita
nelle Ande Latinoamericane, o nel deserto dell’Africa, 
o nelle disperse isole asiatiche o…

Tu padre, tu papà, grazie per aver accettato il grande compito di dare vita
e di permettere alla vita di continuare il suo corso, come ...San Giuseppe!

Ma non posso dimenticare te, papà o padre, fallito
perché non ce l’hai fatta ad afferrare il senso della vita
o le situazioni non te l’hanno permesso
e sei finito nella spirale del male, del vizio, della violenza, della droga, dell’alcool, della depressione…

Anche a te va il mio pensiero, anzi, il mio specialissimo
e affettuoso augurio perché anche la tua vita e la tua paternità
hanno un senso, benché profondamente nascosto.
Anche nella tua vita, c’è una traccia, seppur confusa, del mistero della vita che,
come un fiume, tenta di raggiungere il mare, 
passando per strettoie e anfratti.
Non temere… alla fine la vita trionferà!

Auguri. 

Commenti

Post popolari in questo blog

Grazie, merci, thank you, khanimanbo, obrigado, gracias, danke, asante...

Tante parole per esprimere lo stesso sentimento di gratitudine che nobilita il cuore umano e che ci fa veramente figli di Dio: grazie! Vedendo i molti segni di risposta che tanti di voi, amici carissimi e fratelli di Comunità, mi indirizzate, attraverso la lettura dei post che pubblico sul mio blog, questa sera ho desiderato raggiungervi con il sentimento di gratitudine che sempre abita il mio cuore quando, attraverso questo strumento di comunicazione, possiamo rimanere in contatto a distanza intercontinentale. Un vostro semplice + o un commento di poche parole su una notizia o una esperienza che ho pubblicato... è per me il segno che vale la pena condividere quanto Dio ci permette di sperimentare nella missione che Egli ci affida. Quindi, ancora una volta, grazie a tutti e a ciascuno in particolare. Vi assicuro il mio ricordo nella preghiera.  P. Antonio  

"Pane della Vita e pane di vita"

Sembrerebbe, a primo acchito, una ridondanza linguistica, ma non lo è affatto! Pane della vita, per noi che crediamo in Gesù Cristo, Figlio di Dio Vivente, Verbo di Dio incarnato, è l’Eucaristia, il Pane per eccellenza che dà la Vita in abbondanza, quella vera, quella che ti riempie, quella che ti sazia, quella – cioè – che tutti cercano ma non sempre trovano! “ Io sono il pane vivo, disceso dal cielo. Se uno mangia di questo pane vivrà in eterno e il pane che io darò è la mia carne per la vita del mondo ”. (Gv 6,51). Nella Casa della misericordia, a Maputo (Mozambico), un centro di accoglienza per ex detenuti in cerca di vera libertà, di vita nuova, abbiamo aperto due mesi fa, grazie all’aiuto della Fondazione delle Arti e dello Spirito , un’Associazione Onlus di Milano, un progetto di produzione di ostie come programma di riscatto e riabilitazione spirituale. Le mani di ex carcerati che si sono “sporcate” con delitti vari, producono il pane eucaristico che i

Date loro "voi stessi" da mangiare

Il brano di San Matteo (14,13-21) - propostoci per la diciottesima domenica del tempo ordinario - è davvero "straordinario"... come ogni pagina del Vangelo! Si tratta della com-passione di Gesù per gli uomini del suo tempo, segno dell'amore folle di Dio per gli uomini di ogni tempo e quindi per noi tutti. Gesù è afflitto per la morte di Giovanni Battista, cugino e profeta antecessore del Messia. Il dolore che sempre tenta di stringere il cuore dell'uomo nella morsa dell'autocommiserazione e del ripiegamento, non riesce a vincere il cuore misericordioso di Gesù che rimane com-passivo. Gesù vede la folla che lo ha seguito a piedi e si commuove, ne sente la passione dolorosa, ne vive interiormente il dramma della fame di Dio e di pane. Si intenerisce e comincia a guarire gli ammalati e quando giunge il momento del congedo, dinanzi alla "avveduta" preoccupazione degli apostoli di rimandare a casa la folla (dicasi folla di 5000 uomini senza cont