Passa ai contenuti principali

7 aprile, Festa della donna del Mozambico

Josina Machel (da nubile, Josina Muthemba ), in gioventù, ha integrato il movimento "Fronte di liberazione mozambicano" (FRELIMO) che ha lottato per l'indipendenza del suo paese.
Nel 1969, sposò Samora Machel. Morì il 7 Aprile 1971, a causa di una malattia. Con l'indipendenza del Mozambico, questa data è stata istituita come Festa della Donna del Mozambico .

Josina è considerata un modello di ispirazione per il movimento delle donne. Nella lotta per la liberazione del Mozambico, ha svolto un ruolo molto importante. E' stata una delle fondatrici del distaccamento delle donne, Direttrice degli Affari sociali e responsabile della Sezione femminile presso il Dipartimento degli affari esteri della FRELIMO. 
A Cabo Delgado, nel nord del Mozambico, era a capo delle donne che si prendevano cura dei bambini rimasti orfani o i cui genitori erano assenti, perchè occupati nella lotta per la liberazione nazionale condotta dalla FRELIMO. 

Affrontando la questione delle donne e della loro partecipazione alla lotta, Josina Machel ha scritto :


"Prima della lotta, nella nostra società, le donne avevano posizione inferiore agli uomini. Oggi, nella FRELIMO, la donna mozambicana ha una voce in capitolo e un ruolo da svolgere; può esprimere le proprie opinioni; avere la libertà di dire quello che vuole. La donna ha gli stessi diritti e doveri di qualsiasi altro militante, perché è mozambicana, e perché nel nostro partito non vi è alcuna discriminazione fondata sul sesso".



La lotta di liberazione armata in Mozambico ha costituito la base per l'emancipazione delle donne.

La lotta di emancipazione delle donne nella FRELIMO non è recente, ma risale agli inizi della lotta nazionalista negli anni 1960 e 1970. E' stata questa lotta che, per la prima volta, ha sostenuto il principio della parità tra uomini e donne. 

La filosofia della FRELIMO ha permesso alle donne una maggiore visibilità nella loro condizione, influenzando le linee guida del partito nel periodo post-indipendenza. La nuova politica di governo FRELIMO, dopo la liberazione nel 1975, ha portato vantaggi significativi per le donne. 

Tuttavia, sono ancora tanti i traguardi che molte donne mozambicane devono raggiungere per una reale, efficace, effettiva, concreta uguaglianza con i diritti dell'uomo. 

Una data, questa del 7 aprile, che incoraggia le donne mozambicane - giovani e meno giovani - e, per partecipazione, le donne del mondo a perseguire la battaglia per affermare la loro uguale dignità con gli uomini, non solo in quanto cittadine di uno stesso paese, ma come membri della stessa famiglia umana. 

Auguri a tutte le donne mozambicane e a tutte le donne in generale, con una speciale vicinanza alle vittime dell'ingiustizia e della violenza. 


Commenti

Post popolari in questo blog

Grazie, merci, thank you, khanimanbo, obrigado, gracias, danke, asante...

Tante parole per esprimere lo stesso sentimento di gratitudine
che nobilita il cuore umano e che ci fa veramente figli di Dio: grazie!
Vedendo i molti segni di risposta che tanti di voi,
amici carissimi e fratelli di Comunità,
mi indirizzate,
attraverso la lettura dei post che pubblico sul mio blog, questa sera ho desiderato raggiungervi con il sentimento di gratitudine che sempre abita il mio cuore quando, attraverso questo strumento di comunicazione, possiamo rimanere in contatto a distanza intercontinentale.
Un vostro semplice + o un commento di poche parole su una notizia o una esperienza che ho pubblicato... è per me il segno che vale la pena condividere quanto Dio ci permette di sperimentare nella missione che Egli ci affida.
Quindi, ancora una volta, grazie a tutti e a ciascuno in particolare.
Vi assicuro il mio ricordo nella preghiera. 
P. Antonio  

"Pane della Vita e pane di vita"

Sembrerebbe, a primo acchito, una ridondanza linguistica, ma non lo è affatto!
Pane della vita, per noi che crediamo in Gesù Cristo, Figlio di Dio Vivente, Verbo di Dio incarnato, è l’Eucaristia, il Pane per eccellenza che dà la Vita in abbondanza, quella vera, quella che ti riempie, quella che ti sazia, quella – cioè – che tutti cercano ma non sempre trovano!
Io sono il pane vivo, disceso dal cielo. Se uno mangia di questo pane vivrà in eterno e il pane che io darò è la mia carne per la vita del mondo”. (Gv 6,51).

Date loro "voi stessi" da mangiare

Il brano di San Matteo (14,13-21) - propostoci per la diciottesima domenica del tempo ordinario - è davvero "straordinario"... come ogni pagina del Vangelo! Si tratta della com-passione di Gesù per gli uomini del suo tempo, segno dell'amore folle di Dio per gli uomini di ogni tempo e quindi per noi tutti. Gesù è afflitto per la morte di Giovanni Battista, cugino e profeta antecessore del Messia. Il dolore che sempre tenta di stringere il cuore dell'uomo nella morsa dell'autocommiserazione e del ripiegamento, non riesce a vincere il cuore misericordioso di Gesù che rimane com-passivo. Gesù vede la folla che lo ha seguito a piedi e si commuove, ne sente la passione dolorosa, ne vive interiormente il dramma della fame di Dio e di pane. Si intenerisce e comincia a guarire gli ammalati e quando giunge il momento del congedo, dinanzi alla "avveduta" preoccupazione degli apostoli di rimandare a casa la folla (dicasi folla di 5000 uomini senza contare donne e ba…