Passa ai contenuti principali

Figli del cuore

1 giugno: in Mozambico si festeggia "o dia da criança" (il giorno del bambino). 
Per ricordare questa festa dedicata ai "semi di oggi che sono i fiori di domani", i bambini - appunto!- speranza dell'umanità, condivido l'esperienza che ho vissuto nella "casa del gaiato". 


La “casa do gaiato” è una struttura di accoglienza per ragazzi di strada che il treno della vita ha lasciato indietro o ha lasciato scendere… fuori stazione.
Sorge nel cuore di un’estesa area "verde", in cui spuntano case di accoglienza che fanno da corona a una splendida chiesa a forma di capanna africana: la casa di Dio che allarga i suoi paletti perché ogni uomo, e specialmente i “piccoli”, possano trovare rifugio.

Vi vivono circa 130 ragazzi abbandonati o orfani, sfavoriti dalla vita, persone che non contano molto agli occhi del mondo, ma che si aprono alla bellezza della vita grazie ad un cuore di padre e di madre nella persona di un anziano sacerdote portoghese e di una volontaria laica brasiliana.

“Cosa significa gaiato?”, ho chiesto alla volontaria. A questa domanda è seguita una risposta che ha la forza della prosa più diretta e l’armonia della poesia più elevata: “gaiato significa in portoghese ‘figli della strada’… ma per chi lavora con i gaiato, significa ‘i figli del cuore’”.

Durante la messa, i ‘figli del cuore’ cantano e accompagnano la preghiera con una attenzione speciale, gli occhi sgranati e fissi sul sacerdote che parla o sull’animatore che li aiuta a cantare… segno di un vero incontro tra questi piccoli e il Dio che “si fa piccolo” per “farci grandi”, tutti, sempre.

Stando sul presbiterio, avevo davanti questi volti carichi di storie di sofferenza, di ferite ricevute dalla vita, ma anche occhi pieni di speranza per un futuro più luminoso. 
Quegli occhi frizzanti di vita erano davanti a me come una costellazione di astri che, nella notte dell’universo, brillano di luce per ricordare al buio che – presto - esso finirà… proprio come finirà il dolore degli innocenti che la vita lascia indietro sotto lo sguardo indifferente di tanti.
                                            … Ma, per fortuna, non di tutti!!


Commenti

Post popolari in questo blog

7 aprile, Festa della donna del Mozambico

Josina Machel (da nubile, Josina Muthemba ), in gioventù, ha integrato il movimento "Fronte di liberazione mozambicano" (FRELIMO) che ha lottato per l'indipendenza del suo paese. Nel 1969, sposò Samora Machel. Morì il 7 Aprile 1971, a causa di una malattia. Con l'indipendenza del Mozambico, questa data è stata istituita come Festa della Donna del Mozambico .
Josina è considerata un modello di ispirazione per il movimento delle donne. Nella lotta per la liberazione del Mozambico, ha svolto un ruolo molto importante. E' stata una delle fondatrici del distaccamento delle donne, Direttrice degli Affari sociali e responsabile della Sezione femminile presso il Dipartimento degli affari esteri della FRELIMO.  A Cabo Delgado, nel nord del Mozambico, era a capo delle donne che si prendevano cura dei bambini rimasti orfani o i cui genitori erano assenti, perchè occupati nella lotta per la liberazione nazionale condotta dalla FRELIMO. 
Affrontando la questione delle donne e del…

Il regalo più bello

Il giorno del mio compleanno, ho vissuto una bella avventura della Provvidenza, lezione di vita che ti porti dentro e sulla quale pensare per molto tempo. 
Permettete che ve la racconti...

All'angolo della strada sterrata della nostra missione, ogni giorno da circa un anno, appare una mamma con il suo bambino "appeso" alle spalle. 
Il bambino si chiama Anderson e la mamma Artemisa. 
Sotto il sole cocente, tra i mulinelli sabbiosi della calura mozambicana o bagnata dalla pioggia stagionale... Artemisa è li a vendere la frutta per tirare avanti la situazione della sua famiglia. Il marito, infatti, ha perso il lavoro. 
Ho invitato Artemisa ad entrare nella nostra casa per mangiare un pezzo di dolce in occasione del mio compleanno. 
Dopo qualche ora viene con il suo bambino "alle spalle" e, appena si avvicina, mi mette tra le mani un pezzo di carta che avvolge un regalo. Lo apro e vi trovo 100 meticais (un euro e mezzo). 
Per Artemisa è il guadagno di una dura giornata di…

Grazie, merci, thank you, khanimanbo, obrigado, gracias, danke, asante...

Tante parole per esprimere lo stesso sentimento di gratitudine
che nobilita il cuore umano e che ci fa veramente figli di Dio: grazie!
Vedendo i molti segni di risposta che tanti di voi,
amici carissimi e fratelli di Comunità,
mi indirizzate,
attraverso la lettura dei post che pubblico sul mio blog, questa sera ho desiderato raggiungervi con il sentimento di gratitudine che sempre abita il mio cuore quando, attraverso questo strumento di comunicazione, possiamo rimanere in contatto a distanza intercontinentale.
Un vostro semplice + o un commento di poche parole su una notizia o una esperienza che ho pubblicato... è per me il segno che vale la pena condividere quanto Dio ci permette di sperimentare nella missione che Egli ci affida.
Quindi, ancora una volta, grazie a tutti e a ciascuno in particolare.
Vi assicuro il mio ricordo nella preghiera. 
P. Antonio