Passa ai contenuti principali

Ero nudo e mi avete vestito!

Queste parole di Gesù, nel Vangelo di S. Matteo, al capitolo 25, sono un costante invito all'attenzione che siamo chiamati ad avere con i poveri. 
Nelle 4 carceri ove sto lavorando come missionario è molto frequente vedere giovani e adulti girare con maglie sfillacciate e piene di buchi, pantaloni vecchi e lisi, ciabatte consumate dal tempo, con parte del piede che sfrega il suolo perchè la suola si è completamente consumata. 
Come parlare di riabilitazione umana e spirituale a chi, oltre ad avere fame, veste miseramente e si sente privato di quella dignità che un vestito decente procura alla persona?
Grazie all'aiuto di amici italiani e ad alcuni benefattori mozambicani, abbiamo potuto avviare un servizio di sostegno ai poveri che necessitano, tra le altre cose, anche di vestiti. 

Duccio e P. Antonio mentre smistano indumenti da offrire ai detenuti
Duccio Ferraro, che vediamo nella fotografia insieme a P. Antonio, è un giovane volontario italiano, originario di Napoli, che ha deciso di offrire un anno della sua vita al servizio della cooperazione internazionale. 
Inviato dalla Caritas di Roma, insieme ad altri 3 giovani, Duccio collabora nel servizio alle carceri di Maputo, offrendo corsi di inglese e portoghese, dialogando con chi ha bisogno di una spalla fraterna cui appoggiarsi, e dando vita, insieme al servizio di pastorale carceraria, ad alcuni progetti tesi allo sviluppo umano integrale dei detenuti. 
Così scrive Duccio circa la sua esperienza con i carcerati: 
"E' difficile immaginare un carcere mozambicano e le persone che vi sono ospitate. Probabilmente non ti rendi conto di dove sei e di cosa significa essere costretto a quella vita neppure quando ci sei dentro, quando dialoghi con loro, quando distribuisci qualche maglietta o qualche decina di banane. 
Però quello spazio esiste, è reale così come le persone che vi sono dentro. 
Sono persone con una famiglia, con degli amici, con dei figli... non sono poi così diversi da te! 
Quando capisci questo e dimentichi tutto il resto, riesci finalmente a sedere insieme a loro, a sorridere e a piangere insieme a loro. Ed in quel momento l'umanità si salva e sopravvive per un altro giorno". 



Commenti

Post popolari in questo blog

7 aprile, Festa della donna del Mozambico

Josina Machel (da nubile, Josina Muthemba ), in gioventù, ha integrato il movimento "Fronte di liberazione mozambicano" (FRELIMO) che ha lottato per l'indipendenza del suo paese. Nel 1969, sposò Samora Machel. Morì il 7 Aprile 1971, a causa di una malattia. Con l'indipendenza del Mozambico, questa data è stata istituita come Festa della Donna del Mozambico .
Josina è considerata un modello di ispirazione per il movimento delle donne. Nella lotta per la liberazione del Mozambico, ha svolto un ruolo molto importante. E' stata una delle fondatrici del distaccamento delle donne, Direttrice degli Affari sociali e responsabile della Sezione femminile presso il Dipartimento degli affari esteri della FRELIMO.  A Cabo Delgado, nel nord del Mozambico, era a capo delle donne che si prendevano cura dei bambini rimasti orfani o i cui genitori erano assenti, perchè occupati nella lotta per la liberazione nazionale condotta dalla FRELIMO. 
Affrontando la questione delle donne e del…

Il regalo più bello

Il giorno del mio compleanno, ho vissuto una bella avventura della Provvidenza, lezione di vita che ti porti dentro e sulla quale pensare per molto tempo. 
Permettete che ve la racconti...

All'angolo della strada sterrata della nostra missione, ogni giorno da circa un anno, appare una mamma con il suo bambino "appeso" alle spalle. 
Il bambino si chiama Anderson e la mamma Artemisa. 
Sotto il sole cocente, tra i mulinelli sabbiosi della calura mozambicana o bagnata dalla pioggia stagionale... Artemisa è li a vendere la frutta per tirare avanti la situazione della sua famiglia. Il marito, infatti, ha perso il lavoro. 
Ho invitato Artemisa ad entrare nella nostra casa per mangiare un pezzo di dolce in occasione del mio compleanno. 
Dopo qualche ora viene con il suo bambino "alle spalle" e, appena si avvicina, mi mette tra le mani un pezzo di carta che avvolge un regalo. Lo apro e vi trovo 100 meticais (un euro e mezzo). 
Per Artemisa è il guadagno di una dura giornata di…

Grazie, merci, thank you, khanimanbo, obrigado, gracias, danke, asante...

Tante parole per esprimere lo stesso sentimento di gratitudine
che nobilita il cuore umano e che ci fa veramente figli di Dio: grazie!
Vedendo i molti segni di risposta che tanti di voi,
amici carissimi e fratelli di Comunità,
mi indirizzate,
attraverso la lettura dei post che pubblico sul mio blog, questa sera ho desiderato raggiungervi con il sentimento di gratitudine che sempre abita il mio cuore quando, attraverso questo strumento di comunicazione, possiamo rimanere in contatto a distanza intercontinentale.
Un vostro semplice + o un commento di poche parole su una notizia o una esperienza che ho pubblicato... è per me il segno che vale la pena condividere quanto Dio ci permette di sperimentare nella missione che Egli ci affida.
Quindi, ancora una volta, grazie a tutti e a ciascuno in particolare.
Vi assicuro il mio ricordo nella preghiera. 
P. Antonio