Passa ai contenuti principali

Toccare la carne sofferente di Cristo

Come tutte le domeniche, al mattino presto parto per raggiungere ora questo ora quel carcere per la celebrazione dell'incontro con Dio e con i fratelli detenuti: la Santa Messa. 


Da sinistra: Fiorinda, Paolo e Paolina,
mentre insegnano canti ai detenuti
Negli ultimi tempi, alcuni laici della nostra parrocchia nella periferia di Maputo, hanno chiesto di accompagnarmi in questa pastorale e quindi formiamo una piccola equipe. 

E' per me un grande sollievo avere questi fratelli laici che, tra l'altro, conoscono bene il ronga, dialetto locale, che è un canale di comunicazione migliore del portoghese per la popolazione carceraria, molto povera, anche dal punto di vista culturale. 

Oggi è la Solennità del Corpus Domini: 
- "Come parlare dell'Eucaristia a chi non è ancora cristiano e sta muovendo i primi passi nella fede"
- "Come spiegare la Presenza reale di Gesù in quel pezzo di pane?"
- "Come parlare del Pane di vita e del Calice della salvezza a chi ha cercato la salvezza e la vita in scelte al limite della vita...?"

...Queste e altre domande mi frullavano per la testa, mentre preparavo la celebrazione. 

I detenuti non hanno ancora mangiato nulla e anche quest'oggi l'unico pasto di polenta e fagioli arriverà alle 17.00.
Meglio parlare dell'Eucaristia con i fatti!!! 
Abbiamo cominciato a distribuire biscotti e succo di frutta a ciascuno dei detenuti. 
Mentre versavo il succo di arancia, quel colore arancio-rosato, quella bottiglia nelle mani... mi è venuta in mente l'Ultima Cena in cui Gesù ha distribuito il Suo Corpo e il Suo Sangue ai discepoli. 


Ecco - mi sono detto - da dove cominciare per parlare dell'Eucaristia: servire bene e con amore questo bicchiere di succo di frutta, con la stessa cura per il carcerato che avrei per il Cristo Eucaristia sull'altare... che, tra l'altro, è molto speciale, come si vede dalla foto: due reti di letti degli stessi carcerati sovrapposte e coperte con un tessuto e la tovaglietta bianca; per sedia, una vecchia poltrona, alquanto sudicia e con il fondo "sfondato". 

All'improvviso vedo i tre laici, Fiorinda, Paolo e Paolina, che stanno insegnando i canti ai carcerati e comincio a contemplare l'opera della Grazia di Dio. 

Un clima di pace è sceso su quell'angolo dimenticato del mondo. 
I detenuti cantano e lodano quel Dio - Pane e Vino  di Vita - che non possono mangiare e bere ma... già pregustano nel clima della Santa Messa. 

Quando, nel momento della pace, ho stretto la mano a ciascuno, in segno di benedizione e di pace per quei cuori feriti e che hanno molto ferito, ho sentito di toccare lo Stesso Cristo che avevo appena toccato nella consacrazione dell'Ostia e del Calice. 

O Sacro Mistero di Dio e dell'uomo, di Dio con l'uomo, ...di Dio nell'uomo! 



Commenti

Post popolari in questo blog

Il piccolo venditore di banane

Ieri, tornando dalla città, mi sono fermato lungo la strada che conduce dal centro di Maputo alla periferia, per comprare delle banane. 
Le bancarelle di frutta sono dei carrettini tirati dalle persone, stazionati lungo la strada uno dietro all'altro. 
Da lontano ne scelgo uno a caso. Avvicinandomi con la macchiana, intravedo un uomo seduto su di un muro, con il carrettino a pochi metri, e penso sia lui il proprietario. Normalmente all'avvicinarsi di un cliente, questi venditori subito corrono per non perdere l'occasione di vendere.  
Stranamente il mio non si muove. Fermo la macchina e lo guardo per pochi secondi, chiamandolo con lo sguardo meravigliato per il fatto che non si avvicinasse. 
Mentre guardo indietro fissando quell'uomo, mi appare dal finestrino della macchina un pezzo di volto di un bambino che, per la poca altezza, non raggiunge neanche il finestrino. 
La mia sorpresa è stata grande quando gli ho chiesto se fosse lui il venditore di banane. "Si" - …

Non lo so!

Giorni fa, durante una visita al carcere di Marracuene con alcuni volontari giunti dal Portogallo, ho chiesto ai carcerati di presentarsi, dicendo il loro nome, la provenienza e l'età. 
Francisco (pseudonimo) dopo aver pronunciato poche parole di presentazione nella lingua locale, il ronga, dice il suo nome, la provienienza e abbassa la testa. 
Alla mia domanda sull'età, risponde con una frase che mi ha agghiacciato: "non lo so!". 
Sempre pensi che la povertà è una  brutta bestia perchè significa non avere cibo, casa, vestiti, cultura ma... a volte essa ti soprende per la sua forza distruttrice. 
Non conoscere l'età significa non sapere quando sei entrato in questo mondo; 
è un pezzo della tua dignità di essere umano che ti manca. 
Non sapere il giorno della nascita significa non poter mai aspettare quel giorno che si chiama "compleanno" per gioire in modo speciale della tua vita, non sapere quando gli altri ti fanno gli auguri per il dono che sei in questo m…

Banana-Bacela

Tornando dalla città, oggi, mi sono fermato a comprare delle banane ad una bancarella. 
Mi ha accolto un giovane con un bel sorriso, coperto con un cappuccio, per proteggersi dal freddo dell'inverno mozambicano. Un grande vento sollevava un polverone di sabbia che avvolgeva la bancarella. 
Mi ha venduto le banane e, prima di ripartire, è andato dietro la bancarella a cercare qualcosa. 
Si è riavvicinalo allo sportello dell'auto e mi ha porto una bella banana, dicendo: "isto é bacela" (questo è un regalo). 
La banana offerta da un giovane che sta tutto il giorno al freddo, in mezzo ad un polverone; un giovane la cui speranza di vivere è legata alla vendita di quel numero di banane...; un giovane che lotta per strappare la vita dalla miseria... eppure é capace di offrire una "bacela". 
L'ho ringraziato e ho continuato la mia strada, mangiando quella banana-bacela e mentre la commozione prendeva il sopravvento mi sono ricordato della parole di Gesù: "l'…