Passa ai contenuti principali

Date loro "voi stessi" da mangiare


Il brano di San Matteo (14,13-21) - propostoci per la diciottesima domenica del tempo ordinario - è davvero "straordinario"... come ogni pagina del Vangelo!
Si tratta della com-passione di Gesù per gli uomini del suo tempo, segno dell'amore folle di Dio per gli uomini di ogni tempo e quindi per noi tutti.
Gesù è afflitto per la morte di Giovanni Battista, cugino e profeta antecessore del Messia.
Il dolore che sempre tenta di stringere il cuore dell'uomo nella morsa dell'autocommiserazione e del ripiegamento, non riesce a vincere il cuore misericordioso di Gesù che rimane com-passivo.
Gesù vede la folla che lo ha seguito a piedi e si commuove, ne sente la passione dolorosa, ne vive interiormente il dramma della fame di Dio e di pane.
Si intenerisce e comincia a guarire gli ammalati e quando giunge il momento del congedo, dinanzi alla "avveduta" preoccupazione degli apostoli di rimandare a casa la folla (dicasi folla di 5000 uomini senza contare donne e bambini!!!) , ecco il colpo di scena che ribalta tutta la nostra 'logicissima logica' umana e il nostro buon senso: date loro "voi stessi" da mangiare o "voi stessi" date loro da mangiare.
Comunque si traduce questa frase, nella nostra lingua italiana si presta ad un benefico doppio senso. Quel "voi stessi", rigoroso soggetto nel testo originario greco, può intendersi, in italiano, come un complemento oggetto... quasi che Gesù stia chiedendo agli apostoli e a ciascuno di noi che dinanzi alla folla affamata di pane e di Dio, non devo cercare altrove la soluzione se non in me stesso; siamo chiamati come cristiani ad essere "s-famatori" di popolo, dandoci in cibo, disposti a 'farci mangiare'. 
Farsi mangiare è dare la mia vita perché l'amore di Dio giunga gli uomini: un sorriso, una stretta di mano, una parola buona, un gesto di amore, un atto di carità, un perdono, un sacrificio... tutto sfama la folla in cerca di Dio e di umanità.
Se mi do da mangiare accade il miracolo della moltiplicazione del "fattore" umanitario; quel cibo che sembra mancare sulla nostra terra, avanza!
Perché?
- Perché solo l'amore che si offre in sacrificio ha il potere di far bastare "quel poco" che abbiamo nelle nostre vite per sfamare la folla.
- Perché la moltiplicazione del cibo solo può avvenire quando lo si divide e qui la matematica salta: dividere per moltiplicare!
- Perché dando si riceve...
- Perché quando l'uomo offre la propria vita per gli altri, Dio si commuove e la sua com-passione rivoluziona la storia umana.
Il poco basta per tutti, laddove il molto bastava solo per pochi.
  
 

Commenti

Post popolari in questo blog

7 aprile, Festa della donna del Mozambico

Josina Machel (da nubile, Josina Muthemba ), in gioventù, ha integrato il movimento "Fronte di liberazione mozambicano" (FRELIMO) che ha lottato per l'indipendenza del suo paese. Nel 1969, sposò Samora Machel. Morì il 7 Aprile 1971, a causa di una malattia. Con l'indipendenza del Mozambico, questa data è stata istituita come Festa della Donna del Mozambico .
Josina è considerata un modello di ispirazione per il movimento delle donne. Nella lotta per la liberazione del Mozambico, ha svolto un ruolo molto importante. E' stata una delle fondatrici del distaccamento delle donne, Direttrice degli Affari sociali e responsabile della Sezione femminile presso il Dipartimento degli affari esteri della FRELIMO.  A Cabo Delgado, nel nord del Mozambico, era a capo delle donne che si prendevano cura dei bambini rimasti orfani o i cui genitori erano assenti, perchè occupati nella lotta per la liberazione nazionale condotta dalla FRELIMO. 
Affrontando la questione delle donne e del…

Il regalo più bello

Il giorno del mio compleanno, ho vissuto una bella avventura della Provvidenza, lezione di vita che ti porti dentro e sulla quale pensare per molto tempo. 
Permettete che ve la racconti...

All'angolo della strada sterrata della nostra missione, ogni giorno da circa un anno, appare una mamma con il suo bambino "appeso" alle spalle. 
Il bambino si chiama Anderson e la mamma Artemisa. 
Sotto il sole cocente, tra i mulinelli sabbiosi della calura mozambicana o bagnata dalla pioggia stagionale... Artemisa è li a vendere la frutta per tirare avanti la situazione della sua famiglia. Il marito, infatti, ha perso il lavoro. 
Ho invitato Artemisa ad entrare nella nostra casa per mangiare un pezzo di dolce in occasione del mio compleanno. 
Dopo qualche ora viene con il suo bambino "alle spalle" e, appena si avvicina, mi mette tra le mani un pezzo di carta che avvolge un regalo. Lo apro e vi trovo 100 meticais (un euro e mezzo). 
Per Artemisa è il guadagno di una dura giornata di…

Grazie, merci, thank you, khanimanbo, obrigado, gracias, danke, asante...

Tante parole per esprimere lo stesso sentimento di gratitudine
che nobilita il cuore umano e che ci fa veramente figli di Dio: grazie!
Vedendo i molti segni di risposta che tanti di voi,
amici carissimi e fratelli di Comunità,
mi indirizzate,
attraverso la lettura dei post che pubblico sul mio blog, questa sera ho desiderato raggiungervi con il sentimento di gratitudine che sempre abita il mio cuore quando, attraverso questo strumento di comunicazione, possiamo rimanere in contatto a distanza intercontinentale.
Un vostro semplice + o un commento di poche parole su una notizia o una esperienza che ho pubblicato... è per me il segno che vale la pena condividere quanto Dio ci permette di sperimentare nella missione che Egli ci affida.
Quindi, ancora una volta, grazie a tutti e a ciascuno in particolare.
Vi assicuro il mio ricordo nella preghiera. 
P. Antonio