Passa ai contenuti principali

Ascoltiamo Federico!

Per noi missionari ricevere la visita di un amico, che prende il tempo delle sue ferie per venire a trovarci e conoscere il servizio che svolgiamo, è sempre una grande gioia.
E' ciò che ha fatto Federico Nicolé, un giovane avvocato padovano di 31 anni, che sta trascorrendo 17 giorni in Mozambico per conoscere questo popolo e amarlo di più.
Ascoltiamo, dalla "penna" di Federico, le sue emozioni, i suoi sentimenti e alcune riflessioni che gli sono nate nell'incontro con il popolo mozambicano, in particolare durante una visita al Carcere di recupero giovanile di Boane.


Maputo, 2 settembre 2014

Carissimi,
il mio viaggio in Mozambico sta proseguendo a ritmi serrati. Non ho molto tempo per respirare e, devo dire, ne sono contento.
Vi parlo un po’ della mattinata di venerdì 29 agosto. Sarebbero molte le cose da dire, ma devo ricorrere alla sintesi lasciando i particolari ai racconti del ritorno.
Sveglia alle 5:15, doccia, colazione e alle 6:00 siamo in macchina. Maputo è in piedi già da un po’… il traffico non manca!
Dopo due ore e mezza arriviamo a Boane, uno dei municipi della città.
Destinazione: il carcere (cadeia in portoghese).
Padre Antonio, infatti, svolge una intensa attività con i detenuti di quattro degli istituti penitenziari della capitale.
L’ultimo tratto di strada è di terra rossa e tra la vegetazione scorgo le recinzioni e gli edifici.
Entriamo.
Non avevo mai visto il volto di un uomo dietro le sbarre, i suoi pugni stringere l’acciaio. Un brivido mi corre lungo la schiena.
La guardia ci apre l’ingresso delle celle e subito un odore acre misto di sudore e sporcizia mi travolge. Muovo qualche passo e quello che vedo mi blocca il respiro: circa 100 ragazzi dai 16 anni in su, vestiti con abiti per lo più logori, che vivono (si legga sopravvivono) in condizioni disumane.
Le tre celle sono in grado di ospitare, praticamente, solo i letti a castello e il bagno è uno stanzino con un lavatoio e un buco nel pavimento.
I giovani si posizionano in ordine sparso davanti a noi… lo spazio, come ho già detto, è minimo.
Padre Antonio li saluta (loro sorridono e ricambiano) e poi mi presenta. Incontro i loro sguardi, non mi conoscono e probabilmente cercano di capire il motivo per cui sto là.
Il responsabile del gruppo si fa spazio e mi dice: “Benvenuto nella nostra casa e nella nostra comunità”. Il saluto mi lascia spiazzato, abbozzo un ringraziamento in portoghese. Tuttavia, prima che Padre Antonio riprenda la parola, quasi inconsapevolmente mi esce dalla bocca un “khanimambo”, ovvero “grazie” in Ronga, la loro lingua originaria.
Ridono, scoppia un piccolo applauso e vengono a stringermi la mano.
Una parola è riuscita a portarmi tra di loro, a farmi sentire amico.
E’ incredibile, penso, il peso delle parole; eppure sono fiato.
Quindi distribuiamo a ciascuno un pane, del burro e un pezzo di sapone (preciso che la loro dieta consiste in una sorta di minestra a metà mattina e in un solo pasto fatto prevalentemente di riso e fagioli).
Consumata la colazione iniziano le attività tese a dare una speranza a questi uomini e, possibilmente, un futuro al di fuori delle mura della prigione: la scuola di vita, la scuola biblica e la Messa.
Nessuno è obbligato a partecipare ma, spiega Padre Antonio, settimana per settimana il loro numero aumenta.
Siedo tra di loro, osservo quelle mani inesperte con la penna ma desiderose di apprendere. Provo ad immaginare quale sarebbe stata la loro storia se non fossero stati figli della strada, della povertà: una storia diversa, non v’è dubbio.
Finita la Messa salutiamo e ci avviamo verso i cancelli.
Uno dei ragazzi ci affianca camminando, prende il braccio di Padre Antonio e sussurra: “Padre, quando sto con te mi sembra di stare con mamma e papà”.
Deglutisco in fretta, una lacrima sta cercando la via per uscire.
Un abbraccio forte.
                                            Federico

 

Commenti

Post popolari in questo blog

Il piccolo venditore di banane

Ieri, tornando dalla città, mi sono fermato lungo la strada che conduce dal centro di Maputo alla periferia, per comprare delle banane. 
Le bancarelle di frutta sono dei carrettini tirati dalle persone, stazionati lungo la strada uno dietro all'altro. 
Da lontano ne scelgo uno a caso. Avvicinandomi con la macchiana, intravedo un uomo seduto su di un muro, con il carrettino a pochi metri, e penso sia lui il proprietario. Normalmente all'avvicinarsi di un cliente, questi venditori subito corrono per non perdere l'occasione di vendere.  
Stranamente il mio non si muove. Fermo la macchina e lo guardo per pochi secondi, chiamandolo con lo sguardo meravigliato per il fatto che non si avvicinasse. 
Mentre guardo indietro fissando quell'uomo, mi appare dal finestrino della macchina un pezzo di volto di un bambino che, per la poca altezza, non raggiunge neanche il finestrino. 
La mia sorpresa è stata grande quando gli ho chiesto se fosse lui il venditore di banane. "Si" - …

7 aprile, Festa della donna del Mozambico

Josina Machel (da nubile, Josina Muthemba ), in gioventù, ha integrato il movimento "Fronte di liberazione mozambicano" (FRELIMO) che ha lottato per l'indipendenza del suo paese. Nel 1969, sposò Samora Machel. Morì il 7 Aprile 1971, a causa di una malattia. Con l'indipendenza del Mozambico, questa data è stata istituita come Festa della Donna del Mozambico .
Josina è considerata un modello di ispirazione per il movimento delle donne. Nella lotta per la liberazione del Mozambico, ha svolto un ruolo molto importante. E' stata una delle fondatrici del distaccamento delle donne, Direttrice degli Affari sociali e responsabile della Sezione femminile presso il Dipartimento degli affari esteri della FRELIMO.  A Cabo Delgado, nel nord del Mozambico, era a capo delle donne che si prendevano cura dei bambini rimasti orfani o i cui genitori erano assenti, perchè occupati nella lotta per la liberazione nazionale condotta dalla FRELIMO. 
Affrontando la questione delle donne e del…

Il regalo più bello

Il giorno del mio compleanno, ho vissuto una bella avventura della Provvidenza, lezione di vita che ti porti dentro e sulla quale pensare per molto tempo. 
Permettete che ve la racconti...

All'angolo della strada sterrata della nostra missione, ogni giorno da circa un anno, appare una mamma con il suo bambino "appeso" alle spalle. 
Il bambino si chiama Anderson e la mamma Artemisa. 
Sotto il sole cocente, tra i mulinelli sabbiosi della calura mozambicana o bagnata dalla pioggia stagionale... Artemisa è li a vendere la frutta per tirare avanti la situazione della sua famiglia. Il marito, infatti, ha perso il lavoro. 
Ho invitato Artemisa ad entrare nella nostra casa per mangiare un pezzo di dolce in occasione del mio compleanno. 
Dopo qualche ora viene con il suo bambino "alle spalle" e, appena si avvicina, mi mette tra le mani un pezzo di carta che avvolge un regalo. Lo apro e vi trovo 100 meticais (un euro e mezzo). 
Per Artemisa è il guadagno di una dura giornata di…