Passa ai contenuti principali

Ascoltiamo Federico!

Per noi missionari ricevere la visita di un amico, che prende il tempo delle sue ferie per venire a trovarci e conoscere il servizio che svolgiamo, è sempre una grande gioia.
E' ciò che ha fatto Federico Nicolé, un giovane avvocato padovano di 31 anni, che sta trascorrendo 17 giorni in Mozambico per conoscere questo popolo e amarlo di più.
Ascoltiamo, dalla "penna" di Federico, le sue emozioni, i suoi sentimenti e alcune riflessioni che gli sono nate nell'incontro con il popolo mozambicano, in particolare durante una visita al Carcere di recupero giovanile di Boane.


Maputo, 2 settembre 2014

Carissimi,
il mio viaggio in Mozambico sta proseguendo a ritmi serrati. Non ho molto tempo per respirare e, devo dire, ne sono contento.
Vi parlo un po’ della mattinata di venerdì 29 agosto. Sarebbero molte le cose da dire, ma devo ricorrere alla sintesi lasciando i particolari ai racconti del ritorno.
Sveglia alle 5:15, doccia, colazione e alle 6:00 siamo in macchina. Maputo è in piedi già da un po’… il traffico non manca!
Dopo due ore e mezza arriviamo a Boane, uno dei municipi della città.
Destinazione: il carcere (cadeia in portoghese).
Padre Antonio, infatti, svolge una intensa attività con i detenuti di quattro degli istituti penitenziari della capitale.
L’ultimo tratto di strada è di terra rossa e tra la vegetazione scorgo le recinzioni e gli edifici.
Entriamo.
Non avevo mai visto il volto di un uomo dietro le sbarre, i suoi pugni stringere l’acciaio. Un brivido mi corre lungo la schiena.
La guardia ci apre l’ingresso delle celle e subito un odore acre misto di sudore e sporcizia mi travolge. Muovo qualche passo e quello che vedo mi blocca il respiro: circa 100 ragazzi dai 16 anni in su, vestiti con abiti per lo più logori, che vivono (si legga sopravvivono) in condizioni disumane.
Le tre celle sono in grado di ospitare, praticamente, solo i letti a castello e il bagno è uno stanzino con un lavatoio e un buco nel pavimento.
I giovani si posizionano in ordine sparso davanti a noi… lo spazio, come ho già detto, è minimo.
Padre Antonio li saluta (loro sorridono e ricambiano) e poi mi presenta. Incontro i loro sguardi, non mi conoscono e probabilmente cercano di capire il motivo per cui sto là.
Il responsabile del gruppo si fa spazio e mi dice: “Benvenuto nella nostra casa e nella nostra comunità”. Il saluto mi lascia spiazzato, abbozzo un ringraziamento in portoghese. Tuttavia, prima che Padre Antonio riprenda la parola, quasi inconsapevolmente mi esce dalla bocca un “khanimambo”, ovvero “grazie” in Ronga, la loro lingua originaria.
Ridono, scoppia un piccolo applauso e vengono a stringermi la mano.
Una parola è riuscita a portarmi tra di loro, a farmi sentire amico.
E’ incredibile, penso, il peso delle parole; eppure sono fiato.
Quindi distribuiamo a ciascuno un pane, del burro e un pezzo di sapone (preciso che la loro dieta consiste in una sorta di minestra a metà mattina e in un solo pasto fatto prevalentemente di riso e fagioli).
Consumata la colazione iniziano le attività tese a dare una speranza a questi uomini e, possibilmente, un futuro al di fuori delle mura della prigione: la scuola di vita, la scuola biblica e la Messa.
Nessuno è obbligato a partecipare ma, spiega Padre Antonio, settimana per settimana il loro numero aumenta.
Siedo tra di loro, osservo quelle mani inesperte con la penna ma desiderose di apprendere. Provo ad immaginare quale sarebbe stata la loro storia se non fossero stati figli della strada, della povertà: una storia diversa, non v’è dubbio.
Finita la Messa salutiamo e ci avviamo verso i cancelli.
Uno dei ragazzi ci affianca camminando, prende il braccio di Padre Antonio e sussurra: “Padre, quando sto con te mi sembra di stare con mamma e papà”.
Deglutisco in fretta, una lacrima sta cercando la via per uscire.
Un abbraccio forte.
                                            Federico

 

Commenti

Post popolari in questo blog

Grazie, merci, thank you, khanimanbo, obrigado, gracias, danke, asante...

Tante parole per esprimere lo stesso sentimento di gratitudine che nobilita il cuore umano e che ci fa veramente figli di Dio: grazie! Vedendo i molti segni di risposta che tanti di voi, amici carissimi e fratelli di Comunità, mi indirizzate, attraverso la lettura dei post che pubblico sul mio blog, questa sera ho desiderato raggiungervi con il sentimento di gratitudine che sempre abita il mio cuore quando, attraverso questo strumento di comunicazione, possiamo rimanere in contatto a distanza intercontinentale. Un vostro semplice + o un commento di poche parole su una notizia o una esperienza che ho pubblicato... è per me il segno che vale la pena condividere quanto Dio ci permette di sperimentare nella missione che Egli ci affida. Quindi, ancora una volta, grazie a tutti e a ciascuno in particolare. Vi assicuro il mio ricordo nella preghiera.  P. Antonio  

"Pane della Vita e pane di vita"

Sembrerebbe, a primo acchito, una ridondanza linguistica, ma non lo è affatto! Pane della vita, per noi che crediamo in Gesù Cristo, Figlio di Dio Vivente, Verbo di Dio incarnato, è l’Eucaristia, il Pane per eccellenza che dà la Vita in abbondanza, quella vera, quella che ti riempie, quella che ti sazia, quella – cioè – che tutti cercano ma non sempre trovano! “ Io sono il pane vivo, disceso dal cielo. Se uno mangia di questo pane vivrà in eterno e il pane che io darò è la mia carne per la vita del mondo ”. (Gv 6,51). Nella Casa della misericordia, a Maputo (Mozambico), un centro di accoglienza per ex detenuti in cerca di vera libertà, di vita nuova, abbiamo aperto due mesi fa, grazie all’aiuto della Fondazione delle Arti e dello Spirito , un’Associazione Onlus di Milano, un progetto di produzione di ostie come programma di riscatto e riabilitazione spirituale. Le mani di ex carcerati che si sono “sporcate” con delitti vari, producono il pane eucaristico che i

Date loro "voi stessi" da mangiare

Il brano di San Matteo (14,13-21) - propostoci per la diciottesima domenica del tempo ordinario - è davvero "straordinario"... come ogni pagina del Vangelo! Si tratta della com-passione di Gesù per gli uomini del suo tempo, segno dell'amore folle di Dio per gli uomini di ogni tempo e quindi per noi tutti. Gesù è afflitto per la morte di Giovanni Battista, cugino e profeta antecessore del Messia. Il dolore che sempre tenta di stringere il cuore dell'uomo nella morsa dell'autocommiserazione e del ripiegamento, non riesce a vincere il cuore misericordioso di Gesù che rimane com-passivo. Gesù vede la folla che lo ha seguito a piedi e si commuove, ne sente la passione dolorosa, ne vive interiormente il dramma della fame di Dio e di pane. Si intenerisce e comincia a guarire gli ammalati e quando giunge il momento del congedo, dinanzi alla "avveduta" preoccupazione degli apostoli di rimandare a casa la folla (dicasi folla di 5000 uomini senza cont