Passa ai contenuti principali

Gli perdono di vero cuore!

Sono stato a celebrare la messa in carcere e alla fine della preghiera ho chiesto ai fratelli detenuti di fare il bilancio delle attività vissute l'anno scorso e offrire suggerimenti per questo nuovo anno, 2015.

Si alza, fra i tanti, quasi alla fine, Alberto e chiede per la seconda volta la parola. Il suo volto lascia trasparire una "luce" particolare. I suoi occhi sono brillanti a causa di una improvvisa commozione...
Gli passo la parola e lui comincia la sua "confessione pubblica".

"Io voglio chiedere perdono a Dio non solo per il peccato che mi ha condotto in carcere ma perché, durante l'interrogatorio della polizia, sotto "pressione" (alias...), ho fatto il nome di un innocente che si trova in carcere a causa mia e non c'entra niente".

Mentre dice queste parole indica il giovane Carlos, seduto accanto a lui e comincia a piangere.
Chiede perdono a Carlos in pubblico e anch'io mi ritrovo in una situazione in cui a stento riesco a riprendere la parola per chiedere a Carlos che cosa ne pensa.
 
"Gli perdono di vero cuore": queste sono state le uniche parole che Carlos, con un tono umile e fraterno ha rivolto ad Alberto.
Li ho fatti venire accanto a me, li ho abbracciati uno alla volta e ho stretto le loro mani nelle mie, invitando tutti i presenti a ringraziare Dio per quel momento di "Vangelo vissuto" che il Signore ci stava regalando.

Chiedere perdono in pubblico con umiltà alla propria vittima e offrire il perdono con tanta serenità - ho sottolineato - è già il Regno di Dio presente in mezzo a noi, il cielo sulla terra, è libertà autentica nonostante siamo ancora nel carcere.
Alberto e Carlos, pur dovendo ora affrontare il processo, sono liberi nel loro cuore. Gesù ha già vinto sul male che li attanaglia.

I due giovani si sono stretti la mano dinanzi a tutti noi, mentre una signora della Legione di Maria, membro della pastorale carceraria, ha intonato un cantico di lode alla Vergine, tra le lacrime di gioia e la commozione tutti i presenti. 



Commenti

Post popolari in questo blog

Grazie, merci, thank you, khanimanbo, obrigado, gracias, danke, asante...

Tante parole per esprimere lo stesso sentimento di gratitudine che nobilita il cuore umano e che ci fa veramente figli di Dio: grazie! Vedendo i molti segni di risposta che tanti di voi, amici carissimi e fratelli di Comunità, mi indirizzate, attraverso la lettura dei post che pubblico sul mio blog, questa sera ho desiderato raggiungervi con il sentimento di gratitudine che sempre abita il mio cuore quando, attraverso questo strumento di comunicazione, possiamo rimanere in contatto a distanza intercontinentale. Un vostro semplice + o un commento di poche parole su una notizia o una esperienza che ho pubblicato... è per me il segno che vale la pena condividere quanto Dio ci permette di sperimentare nella missione che Egli ci affida. Quindi, ancora una volta, grazie a tutti e a ciascuno in particolare. Vi assicuro il mio ricordo nella preghiera.  P. Antonio  

"Pane della Vita e pane di vita"

Sembrerebbe, a primo acchito, una ridondanza linguistica, ma non lo è affatto! Pane della vita, per noi che crediamo in Gesù Cristo, Figlio di Dio Vivente, Verbo di Dio incarnato, è l’Eucaristia, il Pane per eccellenza che dà la Vita in abbondanza, quella vera, quella che ti riempie, quella che ti sazia, quella – cioè – che tutti cercano ma non sempre trovano! “ Io sono il pane vivo, disceso dal cielo. Se uno mangia di questo pane vivrà in eterno e il pane che io darò è la mia carne per la vita del mondo ”. (Gv 6,51). Nella Casa della misericordia, a Maputo (Mozambico), un centro di accoglienza per ex detenuti in cerca di vera libertà, di vita nuova, abbiamo aperto due mesi fa, grazie all’aiuto della Fondazione delle Arti e dello Spirito , un’Associazione Onlus di Milano, un progetto di produzione di ostie come programma di riscatto e riabilitazione spirituale. Le mani di ex carcerati che si sono “sporcate” con delitti vari, producono il pane eucaristico che i

Date loro "voi stessi" da mangiare

Il brano di San Matteo (14,13-21) - propostoci per la diciottesima domenica del tempo ordinario - è davvero "straordinario"... come ogni pagina del Vangelo! Si tratta della com-passione di Gesù per gli uomini del suo tempo, segno dell'amore folle di Dio per gli uomini di ogni tempo e quindi per noi tutti. Gesù è afflitto per la morte di Giovanni Battista, cugino e profeta antecessore del Messia. Il dolore che sempre tenta di stringere il cuore dell'uomo nella morsa dell'autocommiserazione e del ripiegamento, non riesce a vincere il cuore misericordioso di Gesù che rimane com-passivo. Gesù vede la folla che lo ha seguito a piedi e si commuove, ne sente la passione dolorosa, ne vive interiormente il dramma della fame di Dio e di pane. Si intenerisce e comincia a guarire gli ammalati e quando giunge il momento del congedo, dinanzi alla "avveduta" preoccupazione degli apostoli di rimandare a casa la folla (dicasi folla di 5000 uomini senza cont