Passa ai contenuti principali

Correre per vivere

L'altro giorno ero imbittogliato nel traffico di Maputo mentre mi recavo nel carcere centrale per la mia visita del mercoledì. 
In macchina, nello scorrere lento e faticoso della coda, sotto il sole caldissimo dell'estate mozambicana, osservavo il via vai delle persone sgranando il rosario. Posso così popolare la mia preghiera con storie di persone che solo sfioro con uno sguardo mentre
ognuna incrocia in qualche modo la mia vita, anche se solo da lontano.

I semafori pullulano di giovani che vendono oggetti di ogni tipo e specie...
Approfittando del rosso, si avvicinano e propongono con un sorriso la loro merce. 
Noi bianchi siamo tutti "boss" o "patrao" (padrone) e ogni volta mi diverto a sorprenderli spiegando che sono un "padre" e non un "padrone". 
Allora mi fanno un sorriso, mi chiedono scusa e intanto approfitto per offrire loro una parola fraterna in mezzo a tanta indifferenza cittadina. 
Mi colpisce una scena. 
Un giovane si avvicina ad un auto per vendere un credito telefonico.
L'autista sembra interessato e, mentre osserva il prodotto, fa avanzare l'auto...
Il giovane - che non vuole perdere il "mercato" - comincia a correre in modo sempre più agitato, perchè l'auto aumenta la sua velocità. 
Mentre corre, il giovane venditore tende a fatica la merce all'autista "spietato" che accelera... e il giovane corre, corre sempre di più... assicurando con una mano lo zaino alle sue spalle e, con l'altra, tenendo la merce nel finestrino dell'auto. Attraversa un pericoloso incrocio sempre di corsa e, dopo il semaforo, la macchina sfreccia via lasciando il venditore nell'affanno del correre sotto il cocente sole e a mani vuote!!!

Un senso di tristezza è calato nel mio cuore ed ho pensato che la povertà è proprio una brutta bestia. 
Quel giovane aveva il volto di uno che è in età scolare eppure... passa il giorno a correre dietro le macchine cercando di strappare la vita con un duro lavoro. Correre, per vivere. Ma fino a quando?


Commenti

Post popolari in questo blog

Grazie, merci, thank you, khanimanbo, obrigado, gracias, danke, asante...

Tante parole per esprimere lo stesso sentimento di gratitudine che nobilita il cuore umano e che ci fa veramente figli di Dio: grazie! Vedendo i molti segni di risposta che tanti di voi, amici carissimi e fratelli di Comunità, mi indirizzate, attraverso la lettura dei post che pubblico sul mio blog, questa sera ho desiderato raggiungervi con il sentimento di gratitudine che sempre abita il mio cuore quando, attraverso questo strumento di comunicazione, possiamo rimanere in contatto a distanza intercontinentale. Un vostro semplice + o un commento di poche parole su una notizia o una esperienza che ho pubblicato... è per me il segno che vale la pena condividere quanto Dio ci permette di sperimentare nella missione che Egli ci affida. Quindi, ancora una volta, grazie a tutti e a ciascuno in particolare. Vi assicuro il mio ricordo nella preghiera.  P. Antonio  

"Pane della Vita e pane di vita"

Sembrerebbe, a primo acchito, una ridondanza linguistica, ma non lo è affatto! Pane della vita, per noi che crediamo in Gesù Cristo, Figlio di Dio Vivente, Verbo di Dio incarnato, è l’Eucaristia, il Pane per eccellenza che dà la Vita in abbondanza, quella vera, quella che ti riempie, quella che ti sazia, quella – cioè – che tutti cercano ma non sempre trovano! “ Io sono il pane vivo, disceso dal cielo. Se uno mangia di questo pane vivrà in eterno e il pane che io darò è la mia carne per la vita del mondo ”. (Gv 6,51). Nella Casa della misericordia, a Maputo (Mozambico), un centro di accoglienza per ex detenuti in cerca di vera libertà, di vita nuova, abbiamo aperto due mesi fa, grazie all’aiuto della Fondazione delle Arti e dello Spirito , un’Associazione Onlus di Milano, un progetto di produzione di ostie come programma di riscatto e riabilitazione spirituale. Le mani di ex carcerati che si sono “sporcate” con delitti vari, producono il pane eucaristico che i

Date loro "voi stessi" da mangiare

Il brano di San Matteo (14,13-21) - propostoci per la diciottesima domenica del tempo ordinario - è davvero "straordinario"... come ogni pagina del Vangelo! Si tratta della com-passione di Gesù per gli uomini del suo tempo, segno dell'amore folle di Dio per gli uomini di ogni tempo e quindi per noi tutti. Gesù è afflitto per la morte di Giovanni Battista, cugino e profeta antecessore del Messia. Il dolore che sempre tenta di stringere il cuore dell'uomo nella morsa dell'autocommiserazione e del ripiegamento, non riesce a vincere il cuore misericordioso di Gesù che rimane com-passivo. Gesù vede la folla che lo ha seguito a piedi e si commuove, ne sente la passione dolorosa, ne vive interiormente il dramma della fame di Dio e di pane. Si intenerisce e comincia a guarire gli ammalati e quando giunge il momento del congedo, dinanzi alla "avveduta" preoccupazione degli apostoli di rimandare a casa la folla (dicasi folla di 5000 uomini senza cont