Passa ai contenuti principali

Correre per vivere

L'altro giorno ero imbittogliato nel traffico di Maputo mentre mi recavo nel carcere centrale per la mia visita del mercoledì. 
In macchina, nello scorrere lento e faticoso della coda, sotto il sole caldissimo dell'estate mozambicana, osservavo il via vai delle persone sgranando il rosario. Posso così popolare la mia preghiera con storie di persone che solo sfioro con uno sguardo mentre
ognuna incrocia in qualche modo la mia vita, anche se solo da lontano.

I semafori pullulano di giovani che vendono oggetti di ogni tipo e specie...
Approfittando del rosso, si avvicinano e propongono con un sorriso la loro merce. 
Noi bianchi siamo tutti "boss" o "patrao" (padrone) e ogni volta mi diverto a sorprenderli spiegando che sono un "padre" e non un "padrone". 
Allora mi fanno un sorriso, mi chiedono scusa e intanto approfitto per offrire loro una parola fraterna in mezzo a tanta indifferenza cittadina. 
Mi colpisce una scena. 
Un giovane si avvicina ad un auto per vendere un credito telefonico.
L'autista sembra interessato e, mentre osserva il prodotto, fa avanzare l'auto...
Il giovane - che non vuole perdere il "mercato" - comincia a correre in modo sempre più agitato, perchè l'auto aumenta la sua velocità. 
Mentre corre, il giovane venditore tende a fatica la merce all'autista "spietato" che accelera... e il giovane corre, corre sempre di più... assicurando con una mano lo zaino alle sue spalle e, con l'altra, tenendo la merce nel finestrino dell'auto. Attraversa un pericoloso incrocio sempre di corsa e, dopo il semaforo, la macchina sfreccia via lasciando il venditore nell'affanno del correre sotto il cocente sole e a mani vuote!!!

Un senso di tristezza è calato nel mio cuore ed ho pensato che la povertà è proprio una brutta bestia. 
Quel giovane aveva il volto di uno che è in età scolare eppure... passa il giorno a correre dietro le macchine cercando di strappare la vita con un duro lavoro. Correre, per vivere. Ma fino a quando?


Commenti

Post popolari in questo blog

Il piccolo venditore di banane

Ieri, tornando dalla città, mi sono fermato lungo la strada che conduce dal centro di Maputo alla periferia, per comprare delle banane. 
Le bancarelle di frutta sono dei carrettini tirati dalle persone, stazionati lungo la strada uno dietro all'altro. 
Da lontano ne scelgo uno a caso. Avvicinandomi con la macchiana, intravedo un uomo seduto su di un muro, con il carrettino a pochi metri, e penso sia lui il proprietario. Normalmente all'avvicinarsi di un cliente, questi venditori subito corrono per non perdere l'occasione di vendere.  
Stranamente il mio non si muove. Fermo la macchina e lo guardo per pochi secondi, chiamandolo con lo sguardo meravigliato per il fatto che non si avvicinasse. 
Mentre guardo indietro fissando quell'uomo, mi appare dal finestrino della macchina un pezzo di volto di un bambino che, per la poca altezza, non raggiunge neanche il finestrino. 
La mia sorpresa è stata grande quando gli ho chiesto se fosse lui il venditore di banane. "Si" - …

Non lo so!

Giorni fa, durante una visita al carcere di Marracuene con alcuni volontari giunti dal Portogallo, ho chiesto ai carcerati di presentarsi, dicendo il loro nome, la provenienza e l'età. 
Francisco (pseudonimo) dopo aver pronunciato poche parole di presentazione nella lingua locale, il ronga, dice il suo nome, la provienienza e abbassa la testa. 
Alla mia domanda sull'età, risponde con una frase che mi ha agghiacciato: "non lo so!". 
Sempre pensi che la povertà è una  brutta bestia perchè significa non avere cibo, casa, vestiti, cultura ma... a volte essa ti soprende per la sua forza distruttrice. 
Non conoscere l'età significa non sapere quando sei entrato in questo mondo; 
è un pezzo della tua dignità di essere umano che ti manca. 
Non sapere il giorno della nascita significa non poter mai aspettare quel giorno che si chiama "compleanno" per gioire in modo speciale della tua vita, non sapere quando gli altri ti fanno gli auguri per il dono che sei in questo m…

Banana-Bacela

Tornando dalla città, oggi, mi sono fermato a comprare delle banane ad una bancarella. 
Mi ha accolto un giovane con un bel sorriso, coperto con un cappuccio, per proteggersi dal freddo dell'inverno mozambicano. Un grande vento sollevava un polverone di sabbia che avvolgeva la bancarella. 
Mi ha venduto le banane e, prima di ripartire, è andato dietro la bancarella a cercare qualcosa. 
Si è riavvicinalo allo sportello dell'auto e mi ha porto una bella banana, dicendo: "isto é bacela" (questo è un regalo). 
La banana offerta da un giovane che sta tutto il giorno al freddo, in mezzo ad un polverone; un giovane la cui speranza di vivere è legata alla vendita di quel numero di banane...; un giovane che lotta per strappare la vita dalla miseria... eppure é capace di offrire una "bacela". 
L'ho ringraziato e ho continuato la mia strada, mangiando quella banana-bacela e mentre la commozione prendeva il sopravvento mi sono ricordato della parole di Gesù: "l'…