Passa ai contenuti principali

Correre per vivere

L'altro giorno ero imbittogliato nel traffico di Maputo mentre mi recavo nel carcere centrale per la mia visita del mercoledì. 
In macchina, nello scorrere lento e faticoso della coda, sotto il sole caldissimo dell'estate mozambicana, osservavo il via vai delle persone sgranando il rosario. Posso così popolare la mia preghiera con storie di persone che solo sfioro con uno sguardo mentre
ognuna incrocia in qualche modo la mia vita, anche se solo da lontano.

I semafori pullulano di giovani che vendono oggetti di ogni tipo e specie...
Approfittando del rosso, si avvicinano e propongono con un sorriso la loro merce. 
Noi bianchi siamo tutti "boss" o "patrao" (padrone) e ogni volta mi diverto a sorprenderli spiegando che sono un "padre" e non un "padrone". 
Allora mi fanno un sorriso, mi chiedono scusa e intanto approfitto per offrire loro una parola fraterna in mezzo a tanta indifferenza cittadina. 
Mi colpisce una scena. 
Un giovane si avvicina ad un auto per vendere un credito telefonico.
L'autista sembra interessato e, mentre osserva il prodotto, fa avanzare l'auto...
Il giovane - che non vuole perdere il "mercato" - comincia a correre in modo sempre più agitato, perchè l'auto aumenta la sua velocità. 
Mentre corre, il giovane venditore tende a fatica la merce all'autista "spietato" che accelera... e il giovane corre, corre sempre di più... assicurando con una mano lo zaino alle sue spalle e, con l'altra, tenendo la merce nel finestrino dell'auto. Attraversa un pericoloso incrocio sempre di corsa e, dopo il semaforo, la macchina sfreccia via lasciando il venditore nell'affanno del correre sotto il cocente sole e a mani vuote!!!

Un senso di tristezza è calato nel mio cuore ed ho pensato che la povertà è proprio una brutta bestia. 
Quel giovane aveva il volto di uno che è in età scolare eppure... passa il giorno a correre dietro le macchine cercando di strappare la vita con un duro lavoro. Correre, per vivere. Ma fino a quando?


Commenti

Post popolari in questo blog

7 aprile, Festa della donna del Mozambico

Josina Machel (da nubile, Josina Muthemba ), in gioventù, ha integrato il movimento "Fronte di liberazione mozambicano" (FRELIMO) che ha lottato per l'indipendenza del suo paese. Nel 1969, sposò Samora Machel. Morì il 7 Aprile 1971, a causa di una malattia. Con l'indipendenza del Mozambico, questa data è stata istituita come Festa della Donna del Mozambico .
Josina è considerata un modello di ispirazione per il movimento delle donne. Nella lotta per la liberazione del Mozambico, ha svolto un ruolo molto importante. E' stata una delle fondatrici del distaccamento delle donne, Direttrice degli Affari sociali e responsabile della Sezione femminile presso il Dipartimento degli affari esteri della FRELIMO.  A Cabo Delgado, nel nord del Mozambico, era a capo delle donne che si prendevano cura dei bambini rimasti orfani o i cui genitori erano assenti, perchè occupati nella lotta per la liberazione nazionale condotta dalla FRELIMO. 
Affrontando la questione delle donne e del…

Il regalo più bello

Il giorno del mio compleanno, ho vissuto una bella avventura della Provvidenza, lezione di vita che ti porti dentro e sulla quale pensare per molto tempo. 
Permettete che ve la racconti...

All'angolo della strada sterrata della nostra missione, ogni giorno da circa un anno, appare una mamma con il suo bambino "appeso" alle spalle. 
Il bambino si chiama Anderson e la mamma Artemisa. 
Sotto il sole cocente, tra i mulinelli sabbiosi della calura mozambicana o bagnata dalla pioggia stagionale... Artemisa è li a vendere la frutta per tirare avanti la situazione della sua famiglia. Il marito, infatti, ha perso il lavoro. 
Ho invitato Artemisa ad entrare nella nostra casa per mangiare un pezzo di dolce in occasione del mio compleanno. 
Dopo qualche ora viene con il suo bambino "alle spalle" e, appena si avvicina, mi mette tra le mani un pezzo di carta che avvolge un regalo. Lo apro e vi trovo 100 meticais (un euro e mezzo). 
Per Artemisa è il guadagno di una dura giornata di…

Grazie, merci, thank you, khanimanbo, obrigado, gracias, danke, asante...

Tante parole per esprimere lo stesso sentimento di gratitudine
che nobilita il cuore umano e che ci fa veramente figli di Dio: grazie!
Vedendo i molti segni di risposta che tanti di voi,
amici carissimi e fratelli di Comunità,
mi indirizzate,
attraverso la lettura dei post che pubblico sul mio blog, questa sera ho desiderato raggiungervi con il sentimento di gratitudine che sempre abita il mio cuore quando, attraverso questo strumento di comunicazione, possiamo rimanere in contatto a distanza intercontinentale.
Un vostro semplice + o un commento di poche parole su una notizia o una esperienza che ho pubblicato... è per me il segno che vale la pena condividere quanto Dio ci permette di sperimentare nella missione che Egli ci affida.
Quindi, ancora una volta, grazie a tutti e a ciascuno in particolare.
Vi assicuro il mio ricordo nella preghiera. 
P. Antonio