Passa ai contenuti principali

...i nostri angeli...

Quaresima, tempo di conversione e di amore più intenso che si fa carità tangibile.
Con questi sentimenti ci siamo messi in viaggio, io, suor Aida, il signor Paolo e la signora Elena, tutti membri della pastorale carceraria.

Destinazione: visita ad un carcere distrettuale di Maputo nel quale non svolgiamo attività regolari per via della distanza.
Quattro ore di viaggio per arrivarci, percorrendo una strada tutta costellata di piccole e medie buche che "massaggiano" ben bene la schiena... cullata poi dalle leggere onde della laguna che si attraversa con un rustico battello...

 




Il carcere è una "attempata" struttura dei tempi coloniali che accoglie attualmente una quarantina di carcerati che dormono per terra, su vecchie stuoie.
 



Le pareti sono l'unico "armadio" dal quale pendono sacchi di plastica che raccontano una storia di povertà!


 
Seduti per terra, all'ombra dell'unico albero del piccolo cortile, ho cercato di "annunciare" la Storia dell'Amore di Dio per questi fratelli, leggendo il brano del Vangelo di San Luca sulla missione di Gesù, declamata nella Sinagoga di Nazareth: Lo Spirito del Signore è su di me, mi ha mandato a portare il lieto annuncio ai poveri, a proclamarer la libertà dei prigionieri...
 
Questa parola, letta davanti ai carcerati, ha una forza dirompente: Cristo vuole darci innanzitutto la vera libertà, quella del cuore, quella che ci rende liberi dal peccato e dalla schiavitù dei vizi...
Gli occhi di vari detenuti brillavano di commozione dinanzi all'annuncio dell'Amore di Dio che si lascia incontrare anche in queste situazioni di miseria.
 
 
 
Dopo la lettura del Vangelo e un momento di preghiere spontanee, abbiamo condiviso alcuni segni dell'amore di Dio con i poveri: pane con burro, biscotti, succo di frutta, una camicia, un boxer e un pantalone per ciascuno... e in più prodotti di igiene per tutti loro.


 
La preghiera del Padre Nostro ha concluso la nostra visita al carcere.
Ci siamo recati poi a visitare il cosiddetto "campo aperto", struttura pensata per la reabilitazione dei carcerari attraverso il lavoro dei campi e un contatto più diretto con la natura.
 
 
 
Riuniti nel refettorio, abbiamo salutato i denenuti e condiviso con loro una merenda. Uno si è alzato per ringraziarci e ha detto:
 
Voi siete angeli di Dio per noi,
perchè siete venuti a visitarci a nome del Signore. Grazie.
 
La stanchezza del lungo viaggio ha lasciato spazio alle lacrime di commozione dinanzi a quelle parole che sorgevano dal cuore di un carcerato.
 
 
 

Commenti

Post popolari in questo blog

7 aprile, Festa della donna del Mozambico

Josina Machel (da nubile, Josina Muthemba ), in gioventù, ha integrato il movimento "Fronte di liberazione mozambicano" (FRELIMO) che ha lottato per l'indipendenza del suo paese. Nel 1969, sposò Samora Machel. Morì il 7 Aprile 1971, a causa di una malattia. Con l'indipendenza del Mozambico, questa data è stata istituita come Festa della Donna del Mozambico .
Josina è considerata un modello di ispirazione per il movimento delle donne. Nella lotta per la liberazione del Mozambico, ha svolto un ruolo molto importante. E' stata una delle fondatrici del distaccamento delle donne, Direttrice degli Affari sociali e responsabile della Sezione femminile presso il Dipartimento degli affari esteri della FRELIMO.  A Cabo Delgado, nel nord del Mozambico, era a capo delle donne che si prendevano cura dei bambini rimasti orfani o i cui genitori erano assenti, perchè occupati nella lotta per la liberazione nazionale condotta dalla FRELIMO. 
Affrontando la questione delle donne e del…

Il regalo più bello

Il giorno del mio compleanno, ho vissuto una bella avventura della Provvidenza, lezione di vita che ti porti dentro e sulla quale pensare per molto tempo. 
Permettete che ve la racconti...

All'angolo della strada sterrata della nostra missione, ogni giorno da circa un anno, appare una mamma con il suo bambino "appeso" alle spalle. 
Il bambino si chiama Anderson e la mamma Artemisa. 
Sotto il sole cocente, tra i mulinelli sabbiosi della calura mozambicana o bagnata dalla pioggia stagionale... Artemisa è li a vendere la frutta per tirare avanti la situazione della sua famiglia. Il marito, infatti, ha perso il lavoro. 
Ho invitato Artemisa ad entrare nella nostra casa per mangiare un pezzo di dolce in occasione del mio compleanno. 
Dopo qualche ora viene con il suo bambino "alle spalle" e, appena si avvicina, mi mette tra le mani un pezzo di carta che avvolge un regalo. Lo apro e vi trovo 100 meticais (un euro e mezzo). 
Per Artemisa è il guadagno di una dura giornata di…

Grazie, merci, thank you, khanimanbo, obrigado, gracias, danke, asante...

Tante parole per esprimere lo stesso sentimento di gratitudine
che nobilita il cuore umano e che ci fa veramente figli di Dio: grazie!
Vedendo i molti segni di risposta che tanti di voi,
amici carissimi e fratelli di Comunità,
mi indirizzate,
attraverso la lettura dei post che pubblico sul mio blog, questa sera ho desiderato raggiungervi con il sentimento di gratitudine che sempre abita il mio cuore quando, attraverso questo strumento di comunicazione, possiamo rimanere in contatto a distanza intercontinentale.
Un vostro semplice + o un commento di poche parole su una notizia o una esperienza che ho pubblicato... è per me il segno che vale la pena condividere quanto Dio ci permette di sperimentare nella missione che Egli ci affida.
Quindi, ancora una volta, grazie a tutti e a ciascuno in particolare.
Vi assicuro il mio ricordo nella preghiera. 
P. Antonio