Passa ai contenuti principali

Creati dall'Amore, nell'Amore e per l'Amore!


"Creati dall'Amore, nell'Amore e per l'Amore!"
Questo il titolo del corso di "affettività e sessualità" che abbiamo iniziato nel Carcere Centrale di Maputo. 
Circa 80 detenuti hanno partecipato al primo incontro di questa formazione umana integrale prevista dal programma di riabilitazione e reintegrazione "Laboratorio della Libertà" che sto animando nelle carceri in cui presto servizio. 
Siro e Luciana Nakashima, una coppia brasiliana della Comunità Missionaria di Villaregia, in servizio volontario a Maputo per un anno con i loro tre figli e esperti in questa tematica, stanno offrendo il corso al quale i partecipanti hanno mostrato una adesione entusiasta e attenta come si è visto dalle domande che hanno posto. 









"Criados pelo Amor, no Amor e para o Amor": este é o título do curso "Afetividade e " que começamos na Prisão Central de Maputo.
Cerca de 80 presos participaram na primeira reunião desta formação humana integral no programa de reabilitação e reintegração "Laboratorio da Liberdade" que estou animando nas prisões em que presto serviço.

Siro Nakashima e Luciana, um casal brasileiro da Comunidade Missionária de Villaregia, em serviço voluntário em Maputo por um ano com os seus três filhos e especialistas neste assunto, eles estão oferecendo o curso no qual os participantes mostraram uma adesão entusiástica e atenta como se percebeu pelas perguntas que colocaram.





"Créés par l'Amour, dans l'Amour e pour l'Amour"
Cela est le titre du cours "affectivité et sexualité" que nous avons commencé à la prison centrale de Maputo.
Environ 80 détenus ont participé à la première réunion de cette formation humaine intégrale dans le programme de réabilitation et de réinsertion "Laboratoire de la Liberté" que je suis en train d'animer dans les prisons où je vis mon service missionnaire.

Siro Nakashima et Luciana, un couple brésilien de la Communauté missionnaire de Villaregia , au service volontaire à Maputo pour un an avec leurs trois enfants et experts dans ce sujet, ils offrent le cours dans lequel les participants ont manifesté une adhésion enthousiaste et attentive comme nous l'ont montré par les questions qui ont posés. 






Commenti

Post popolari in questo blog

Grazie, merci, thank you, khanimanbo, obrigado, gracias, danke, asante...

Tante parole per esprimere lo stesso sentimento di gratitudine
che nobilita il cuore umano e che ci fa veramente figli di Dio: grazie!
Vedendo i molti segni di risposta che tanti di voi,
amici carissimi e fratelli di Comunità,
mi indirizzate,
attraverso la lettura dei post che pubblico sul mio blog, questa sera ho desiderato raggiungervi con il sentimento di gratitudine che sempre abita il mio cuore quando, attraverso questo strumento di comunicazione, possiamo rimanere in contatto a distanza intercontinentale.
Un vostro semplice + o un commento di poche parole su una notizia o una esperienza che ho pubblicato... è per me il segno che vale la pena condividere quanto Dio ci permette di sperimentare nella missione che Egli ci affida.
Quindi, ancora una volta, grazie a tutti e a ciascuno in particolare.
Vi assicuro il mio ricordo nella preghiera. 
P. Antonio  

"Pane della Vita e pane di vita"

Sembrerebbe, a primo acchito, una ridondanza linguistica, ma non lo è affatto!
Pane della vita, per noi che crediamo in Gesù Cristo, Figlio di Dio Vivente, Verbo di Dio incarnato, è l’Eucaristia, il Pane per eccellenza che dà la Vita in abbondanza, quella vera, quella che ti riempie, quella che ti sazia, quella – cioè – che tutti cercano ma non sempre trovano!
Io sono il pane vivo, disceso dal cielo. Se uno mangia di questo pane vivrà in eterno e il pane che io darò è la mia carne per la vita del mondo”. (Gv 6,51).

Date loro "voi stessi" da mangiare

Il brano di San Matteo (14,13-21) - propostoci per la diciottesima domenica del tempo ordinario - è davvero "straordinario"... come ogni pagina del Vangelo! Si tratta della com-passione di Gesù per gli uomini del suo tempo, segno dell'amore folle di Dio per gli uomini di ogni tempo e quindi per noi tutti. Gesù è afflitto per la morte di Giovanni Battista, cugino e profeta antecessore del Messia. Il dolore che sempre tenta di stringere il cuore dell'uomo nella morsa dell'autocommiserazione e del ripiegamento, non riesce a vincere il cuore misericordioso di Gesù che rimane com-passivo. Gesù vede la folla che lo ha seguito a piedi e si commuove, ne sente la passione dolorosa, ne vive interiormente il dramma della fame di Dio e di pane. Si intenerisce e comincia a guarire gli ammalati e quando giunge il momento del congedo, dinanzi alla "avveduta" preoccupazione degli apostoli di rimandare a casa la folla (dicasi folla di 5000 uomini senza contare donne e ba…