Passa ai contenuti principali

Creati dall'Amore, nell'Amore e per l'Amore!


"Creati dall'Amore, nell'Amore e per l'Amore!"
Questo il titolo del corso di "affettività e sessualità" che abbiamo iniziato nel Carcere Centrale di Maputo. 
Circa 80 detenuti hanno partecipato al primo incontro di questa formazione umana integrale prevista dal programma di riabilitazione e reintegrazione "Laboratorio della Libertà" che sto animando nelle carceri in cui presto servizio. 
Siro e Luciana Nakashima, una coppia brasiliana della Comunità Missionaria di Villaregia, in servizio volontario a Maputo per un anno con i loro tre figli e esperti in questa tematica, stanno offrendo il corso al quale i partecipanti hanno mostrato una adesione entusiasta e attenta come si è visto dalle domande che hanno posto. 









"Criados pelo Amor, no Amor e para o Amor": este é o título do curso "Afetividade e " que começamos na Prisão Central de Maputo.
Cerca de 80 presos participaram na primeira reunião desta formação humana integral no programa de reabilitação e reintegração "Laboratorio da Liberdade" que estou animando nas prisões em que presto serviço.

Siro Nakashima e Luciana, um casal brasileiro da Comunidade Missionária de Villaregia, em serviço voluntário em Maputo por um ano com os seus três filhos e especialistas neste assunto, eles estão oferecendo o curso no qual os participantes mostraram uma adesão entusiástica e atenta como se percebeu pelas perguntas que colocaram.





"Créés par l'Amour, dans l'Amour e pour l'Amour"
Cela est le titre du cours "affectivité et sexualité" que nous avons commencé à la prison centrale de Maputo.
Environ 80 détenus ont participé à la première réunion de cette formation humaine intégrale dans le programme de réabilitation et de réinsertion "Laboratoire de la Liberté" que je suis en train d'animer dans les prisons où je vis mon service missionnaire.

Siro Nakashima et Luciana, un couple brésilien de la Communauté missionnaire de Villaregia , au service volontaire à Maputo pour un an avec leurs trois enfants et experts dans ce sujet, ils offrent le cours dans lequel les participants ont manifesté une adhésion enthousiaste et attentive comme nous l'ont montré par les questions qui ont posés. 






Commenti

Post popolari in questo blog

Il piccolo venditore di banane

Ieri, tornando dalla città, mi sono fermato lungo la strada che conduce dal centro di Maputo alla periferia, per comprare delle banane. 
Le bancarelle di frutta sono dei carrettini tirati dalle persone, stazionati lungo la strada uno dietro all'altro. 
Da lontano ne scelgo uno a caso. Avvicinandomi con la macchiana, intravedo un uomo seduto su di un muro, con il carrettino a pochi metri, e penso sia lui il proprietario. Normalmente all'avvicinarsi di un cliente, questi venditori subito corrono per non perdere l'occasione di vendere.  
Stranamente il mio non si muove. Fermo la macchina e lo guardo per pochi secondi, chiamandolo con lo sguardo meravigliato per il fatto che non si avvicinasse. 
Mentre guardo indietro fissando quell'uomo, mi appare dal finestrino della macchina un pezzo di volto di un bambino che, per la poca altezza, non raggiunge neanche il finestrino. 
La mia sorpresa è stata grande quando gli ho chiesto se fosse lui il venditore di banane. "Si" - …

Non lo so!

Giorni fa, durante una visita al carcere di Marracuene con alcuni volontari giunti dal Portogallo, ho chiesto ai carcerati di presentarsi, dicendo il loro nome, la provenienza e l'età. 
Francisco (pseudonimo) dopo aver pronunciato poche parole di presentazione nella lingua locale, il ronga, dice il suo nome, la provienienza e abbassa la testa. 
Alla mia domanda sull'età, risponde con una frase che mi ha agghiacciato: "non lo so!". 
Sempre pensi che la povertà è una  brutta bestia perchè significa non avere cibo, casa, vestiti, cultura ma... a volte essa ti soprende per la sua forza distruttrice. 
Non conoscere l'età significa non sapere quando sei entrato in questo mondo; 
è un pezzo della tua dignità di essere umano che ti manca. 
Non sapere il giorno della nascita significa non poter mai aspettare quel giorno che si chiama "compleanno" per gioire in modo speciale della tua vita, non sapere quando gli altri ti fanno gli auguri per il dono che sei in questo m…

Banana-Bacela

Tornando dalla città, oggi, mi sono fermato a comprare delle banane ad una bancarella. 
Mi ha accolto un giovane con un bel sorriso, coperto con un cappuccio, per proteggersi dal freddo dell'inverno mozambicano. Un grande vento sollevava un polverone di sabbia che avvolgeva la bancarella. 
Mi ha venduto le banane e, prima di ripartire, è andato dietro la bancarella a cercare qualcosa. 
Si è riavvicinalo allo sportello dell'auto e mi ha porto una bella banana, dicendo: "isto é bacela" (questo è un regalo). 
La banana offerta da un giovane che sta tutto il giorno al freddo, in mezzo ad un polverone; un giovane la cui speranza di vivere è legata alla vendita di quel numero di banane...; un giovane che lotta per strappare la vita dalla miseria... eppure é capace di offrire una "bacela". 
L'ho ringraziato e ho continuato la mia strada, mangiando quella banana-bacela e mentre la commozione prendeva il sopravvento mi sono ricordato della parole di Gesù: "l'…