Passa ai contenuti principali

Matias e Maria

 Venerdì: una giornata come sempre! Alzata alle 5.00 per andare nel carcere di Boane a circa 70 km dalla missione. Mi aspetta l'incontro "antico e sempre nuovo" con i giovani reclusi. Con una cinquantina di loro facciamo il corso di "Affettività e sessualità", previsto nel programma di formazione della Scuola di Vita. 
Alle 14.30 circa ritorno a casa, ben stanco per via dell'intenso traffico di Maputo e degli ultimi calori estivi che stanno cedendo il passo al fresco autunnale mozambicano. 
All'entrata della missione il guardiano mi attende per dirmi che una signora vuole parlare con me. Il passo ben svelto e il volto alquanto serio, seppur ben camuffato dietro un sereno "boa tarde" (buon pomeriggio), mi annunciano una notizia non positiva. 
Dopo lo scambio di saluti, Maria, la sposa di Matias, mi dice lapidariamente: "padre sono qui per chiedere aiuto per Matias. Mi ha chiamato un vicino di casa dicendomi che non parla, non riesce a camminare e non risponde". 
Matias e Maria soffrono di AIDS. E' una giovane coppia che ho conosciuto nella lixeira (immondezzaio di Maputo). Durante le grandi piogge dell'anno scorso, la loro casa è stata sommersa dalle acque fetide e insalubri della lixeira e il comune ha "indennizzato" la loro famiglia e centinaia di famiglie povere, che avevano perso tutto, lottizzando una zona desertica in mezzo alla steppa della periferia nord di Maputo. 
Neanche gli autobus o gli chapa (pulmini di trasporto pubblico) accettano di addentrarsi in quella landa sterile e deserta. 
Senza esitare riparto in macchina con Maria e corriamo verso la loro baracca. 
Il viaggio dura quasi un'ora. Il silenzio cala nell'abitacolo dell'auto. Dopo poche domande alle quali Maria risponde brevemente, capisco che la sua preoccupazione è tale che è meglio rimanere in silenzio. Cerco di sgranare il rosario affidando alla Vergine la vita di Matias e la storia di questa tribolata coppia con tre figli. 
Ci avvicianiamo finchè possiamo all'accampamento. Lasciamo la macchina e camminiamo almeno venti minuti tra la steppa.
Il passo di Maria è veloce come quello di una cerva "agile e assetata". Capisco che vuole vedere il marito. 
Arriviamo in casa. Matias è irriconoscibile. In un canto della piccola baracca di lamiera, uno scheletro tremante... in un bagno di sudore. Nella morsa della febbre, tossisce e sputa in un lurido panno. 
Capisco a volo che si tratta di un attacco di tubercolosi, malattia tipica degli ammalati di AIDS. 
Dobbiamo correre in ospedale, non c'è tempo da perdere. 
Maria chiama un vicino che è a letto con febbre a causa di un raffreddore. Questi si alza, esce dalla sua povera casa-tenda e ci aiuta a trasportare Matias fino alla macchina e, in mezzo ai sentieri sabbiosi, corriamo alla volta del piccolo ospedale di Marracuene. 




Matias riceve le prime (semplici) cure e rimane la notte in osservazione. 
Stiamo aspettando i risultati delle analisi che confermeranno il tipo di malattia che sta cercando di strappare alla vita questo giovane papà. 




Commenti

Post popolari in questo blog

7 aprile, Festa della donna del Mozambico

Josina Machel (da nubile, Josina Muthemba ), in gioventù, ha integrato il movimento "Fronte di liberazione mozambicano" (FRELIMO) che ha lottato per l'indipendenza del suo paese. Nel 1969, sposò Samora Machel. Morì il 7 Aprile 1971, a causa di una malattia. Con l'indipendenza del Mozambico, questa data è stata istituita come Festa della Donna del Mozambico .
Josina è considerata un modello di ispirazione per il movimento delle donne. Nella lotta per la liberazione del Mozambico, ha svolto un ruolo molto importante. E' stata una delle fondatrici del distaccamento delle donne, Direttrice degli Affari sociali e responsabile della Sezione femminile presso il Dipartimento degli affari esteri della FRELIMO.  A Cabo Delgado, nel nord del Mozambico, era a capo delle donne che si prendevano cura dei bambini rimasti orfani o i cui genitori erano assenti, perchè occupati nella lotta per la liberazione nazionale condotta dalla FRELIMO. 
Affrontando la questione delle donne e del…

Il regalo più bello

Il giorno del mio compleanno, ho vissuto una bella avventura della Provvidenza, lezione di vita che ti porti dentro e sulla quale pensare per molto tempo. 
Permettete che ve la racconti...

All'angolo della strada sterrata della nostra missione, ogni giorno da circa un anno, appare una mamma con il suo bambino "appeso" alle spalle. 
Il bambino si chiama Anderson e la mamma Artemisa. 
Sotto il sole cocente, tra i mulinelli sabbiosi della calura mozambicana o bagnata dalla pioggia stagionale... Artemisa è li a vendere la frutta per tirare avanti la situazione della sua famiglia. Il marito, infatti, ha perso il lavoro. 
Ho invitato Artemisa ad entrare nella nostra casa per mangiare un pezzo di dolce in occasione del mio compleanno. 
Dopo qualche ora viene con il suo bambino "alle spalle" e, appena si avvicina, mi mette tra le mani un pezzo di carta che avvolge un regalo. Lo apro e vi trovo 100 meticais (un euro e mezzo). 
Per Artemisa è il guadagno di una dura giornata di…

Grazie, merci, thank you, khanimanbo, obrigado, gracias, danke, asante...

Tante parole per esprimere lo stesso sentimento di gratitudine
che nobilita il cuore umano e che ci fa veramente figli di Dio: grazie!
Vedendo i molti segni di risposta che tanti di voi,
amici carissimi e fratelli di Comunità,
mi indirizzate,
attraverso la lettura dei post che pubblico sul mio blog, questa sera ho desiderato raggiungervi con il sentimento di gratitudine che sempre abita il mio cuore quando, attraverso questo strumento di comunicazione, possiamo rimanere in contatto a distanza intercontinentale.
Un vostro semplice + o un commento di poche parole su una notizia o una esperienza che ho pubblicato... è per me il segno che vale la pena condividere quanto Dio ci permette di sperimentare nella missione che Egli ci affida.
Quindi, ancora una volta, grazie a tutti e a ciascuno in particolare.
Vi assicuro il mio ricordo nella preghiera. 
P. Antonio