Passa ai contenuti principali

Voglio perdonare...

Pochi giorni fa, durante la lezione della "Scuola di vita" nel Carcere Centrale di Maputo, Francisco alza la mano per fare una domanda che non ha niente a che fare con il tema della lezione. "Padre vorrei sapere cosa significa perdonare".
Al che gli ho risposto che il tema del perdono è così importante che preferisco trattarlo a parte e dedicare un tempo congruo a tale argomento. Francisco ringrazia e si siede.
Due giorni dopo, mentre sto svolgendo un'altra lezione di formazione, Francisco mi si avvicina e mi sussurra che sta andando a casa perché gli è arrivata la comunicazione di fine pena e viene rimesso in libertà.

Chiedo ai giovani che stanno assistendo alla lezione di intonare un canto, salutiamo Francisco e poi mi apparto un momento con lui per sapere qualcosa in più circa il suo reinserimento: "dove andrai? cosa farai? chi ti accoglie in casa?...
Francisco mi risponde brevemente e poi mi domanda: "Padre, ti ho chiesto l'altro giorno cosa vuol dire perdonare... mi piacerebbe capire meglio il perdono".
La curiosità ha la meglio sulla mia risposta e gli chiedo perché tale interesse per il perdono.
Francisco mi dipinge in poche battute il dramma vissuto.
Un suo vicino di casa lo ha accusato di aver rubato un televisore plasma e per fargli "confessare" la verità chiama rinforzi e cominciano a torturare il povero giovane. Addirittura la corda con cui lo hanno legato gli taglia la carne di un braccio ed entra nel muscolo.
Dopo averlo picchiato a sangue, il vicino di casa si rende conto che non è stato Francisco a rubare perché, nonostante le torture, non ha confessato dove si trovasse il plasma. 
Francisco viene portato all'ospedale e poi al commissariato di polizia. I poliziotti, superficialmente, anziché appurare l'accaduto, lo sbattono in cella e il giovane ha ricevuto 8 mesi di galera innocentemente.
"Vorrei perdonare il mio vicino, padre, come faccio? Che significa perdonare?".
Commosso, ho provato a spiegare a Francisco che quel "desiderio di perdonare" tanta ingiusta sofferenza subita per Dio è già perdono.
"Forse, Francisco, mi stai chiedendo come dimenticare...
Ma dimenticare non lo potrai mai fare, perché la ferita
dell'ingiustizia e del dolore sofferto ti accompagnerà a lungo...forse fino alla morte".
Gli ho spiegato che la ferita dell'anima e del corpo che sente ardere dentro di sé è come quella di Gesù Risorto che conserva le sue ferite come segno di un "amore più grande...".
L'ho abbracciato e l'ho benedetto in nome di Dio. Lui mi ha ringraziato con un sorriso radiante e soddisfatto.
Grazie, Francisco, per questa testimonianza di un "amore più grande", un amore misericordioso. 



Commenti

  1. Grazie Padre Antonio e grazie a Francisco per la lezione di vita

    RispondiElimina
  2. Grazie zio è vero per l'essere umano é difficile quasi impossibile perdonare certe cose quanto poi così crudeli.... Ma Gesù guarda l'anima di ognuno di noi e per nostro signore il fatto che Francisco abbia provato o almeno cercato di perdonare per Gesù è un'atto davvero enorme. Che sia esempio per tutte le nostre vite

    RispondiElimina
  3. Grazie zio è vero per l'essere umano é difficile quasi impossibile perdonare certe cose quanto poi così crudeli.... Ma Gesù guarda l'anima di ognuno di noi e per nostro signore il fatto che Francisco abbia provato o almeno cercato di perdonare per Gesù è un'atto davvero enorme. Che sia esempio per tutte le nostre vite

    RispondiElimina
  4. Grazie Antonio, questa storia mi fa ridimensionare enormemente quelle che io chiamo ingiustizia nella mia vita, che mi fanno avere del rancore e mi rendono incapace di perdonare veramente. Francisco mi aiuta a capire e riscoprire la gioia che c'e dietro un vero perdono.

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Il piccolo venditore di banane

Ieri, tornando dalla città, mi sono fermato lungo la strada che conduce dal centro di Maputo alla periferia, per comprare delle banane. 
Le bancarelle di frutta sono dei carrettini tirati dalle persone, stazionati lungo la strada uno dietro all'altro. 
Da lontano ne scelgo uno a caso. Avvicinandomi con la macchiana, intravedo un uomo seduto su di un muro, con il carrettino a pochi metri, e penso sia lui il proprietario. Normalmente all'avvicinarsi di un cliente, questi venditori subito corrono per non perdere l'occasione di vendere.  
Stranamente il mio non si muove. Fermo la macchina e lo guardo per pochi secondi, chiamandolo con lo sguardo meravigliato per il fatto che non si avvicinasse. 
Mentre guardo indietro fissando quell'uomo, mi appare dal finestrino della macchina un pezzo di volto di un bambino che, per la poca altezza, non raggiunge neanche il finestrino. 
La mia sorpresa è stata grande quando gli ho chiesto se fosse lui il venditore di banane. "Si" - …

7 aprile, Festa della donna del Mozambico

Josina Machel (da nubile, Josina Muthemba ), in gioventù, ha integrato il movimento "Fronte di liberazione mozambicano" (FRELIMO) che ha lottato per l'indipendenza del suo paese. Nel 1969, sposò Samora Machel. Morì il 7 Aprile 1971, a causa di una malattia. Con l'indipendenza del Mozambico, questa data è stata istituita come Festa della Donna del Mozambico .
Josina è considerata un modello di ispirazione per il movimento delle donne. Nella lotta per la liberazione del Mozambico, ha svolto un ruolo molto importante. E' stata una delle fondatrici del distaccamento delle donne, Direttrice degli Affari sociali e responsabile della Sezione femminile presso il Dipartimento degli affari esteri della FRELIMO.  A Cabo Delgado, nel nord del Mozambico, era a capo delle donne che si prendevano cura dei bambini rimasti orfani o i cui genitori erano assenti, perchè occupati nella lotta per la liberazione nazionale condotta dalla FRELIMO. 
Affrontando la questione delle donne e del…

Il regalo più bello

Il giorno del mio compleanno, ho vissuto una bella avventura della Provvidenza, lezione di vita che ti porti dentro e sulla quale pensare per molto tempo. 
Permettete che ve la racconti...

All'angolo della strada sterrata della nostra missione, ogni giorno da circa un anno, appare una mamma con il suo bambino "appeso" alle spalle. 
Il bambino si chiama Anderson e la mamma Artemisa. 
Sotto il sole cocente, tra i mulinelli sabbiosi della calura mozambicana o bagnata dalla pioggia stagionale... Artemisa è li a vendere la frutta per tirare avanti la situazione della sua famiglia. Il marito, infatti, ha perso il lavoro. 
Ho invitato Artemisa ad entrare nella nostra casa per mangiare un pezzo di dolce in occasione del mio compleanno. 
Dopo qualche ora viene con il suo bambino "alle spalle" e, appena si avvicina, mi mette tra le mani un pezzo di carta che avvolge un regalo. Lo apro e vi trovo 100 meticais (un euro e mezzo). 
Per Artemisa è il guadagno di una dura giornata di…