Passa ai contenuti principali

Voglio perdonare...

Pochi giorni fa, durante la lezione della "Scuola di vita" nel Carcere Centrale di Maputo, Francisco alza la mano per fare una domanda che non ha niente a che fare con il tema della lezione. "Padre vorrei sapere cosa significa perdonare".
Al che gli ho risposto che il tema del perdono è così importante che preferisco trattarlo a parte e dedicare un tempo congruo a tale argomento. Francisco ringrazia e si siede.
Due giorni dopo, mentre sto svolgendo un'altra lezione di formazione, Francisco mi si avvicina e mi sussurra che sta andando a casa perché gli è arrivata la comunicazione di fine pena e viene rimesso in libertà.

Chiedo ai giovani che stanno assistendo alla lezione di intonare un canto, salutiamo Francisco e poi mi apparto un momento con lui per sapere qualcosa in più circa il suo reinserimento: "dove andrai? cosa farai? chi ti accoglie in casa?...
Francisco mi risponde brevemente e poi mi domanda: "Padre, ti ho chiesto l'altro giorno cosa vuol dire perdonare... mi piacerebbe capire meglio il perdono".
La curiosità ha la meglio sulla mia risposta e gli chiedo perché tale interesse per il perdono.
Francisco mi dipinge in poche battute il dramma vissuto.
Un suo vicino di casa lo ha accusato di aver rubato un televisore plasma e per fargli "confessare" la verità chiama rinforzi e cominciano a torturare il povero giovane. Addirittura la corda con cui lo hanno legato gli taglia la carne di un braccio ed entra nel muscolo.
Dopo averlo picchiato a sangue, il vicino di casa si rende conto che non è stato Francisco a rubare perché, nonostante le torture, non ha confessato dove si trovasse il plasma. 
Francisco viene portato all'ospedale e poi al commissariato di polizia. I poliziotti, superficialmente, anziché appurare l'accaduto, lo sbattono in cella e il giovane ha ricevuto 8 mesi di galera innocentemente.
"Vorrei perdonare il mio vicino, padre, come faccio? Che significa perdonare?".
Commosso, ho provato a spiegare a Francisco che quel "desiderio di perdonare" tanta ingiusta sofferenza subita per Dio è già perdono.
"Forse, Francisco, mi stai chiedendo come dimenticare...
Ma dimenticare non lo potrai mai fare, perché la ferita
dell'ingiustizia e del dolore sofferto ti accompagnerà a lungo...forse fino alla morte".
Gli ho spiegato che la ferita dell'anima e del corpo che sente ardere dentro di sé è come quella di Gesù Risorto che conserva le sue ferite come segno di un "amore più grande...".
L'ho abbracciato e l'ho benedetto in nome di Dio. Lui mi ha ringraziato con un sorriso radiante e soddisfatto.
Grazie, Francisco, per questa testimonianza di un "amore più grande", un amore misericordioso. 



Commenti

  1. Grazie Padre Antonio e grazie a Francisco per la lezione di vita

    RispondiElimina
  2. Grazie zio è vero per l'essere umano é difficile quasi impossibile perdonare certe cose quanto poi così crudeli.... Ma Gesù guarda l'anima di ognuno di noi e per nostro signore il fatto che Francisco abbia provato o almeno cercato di perdonare per Gesù è un'atto davvero enorme. Che sia esempio per tutte le nostre vite

    RispondiElimina
  3. Grazie zio è vero per l'essere umano é difficile quasi impossibile perdonare certe cose quanto poi così crudeli.... Ma Gesù guarda l'anima di ognuno di noi e per nostro signore il fatto che Francisco abbia provato o almeno cercato di perdonare per Gesù è un'atto davvero enorme. Che sia esempio per tutte le nostre vite

    RispondiElimina
  4. Grazie Antonio, questa storia mi fa ridimensionare enormemente quelle che io chiamo ingiustizia nella mia vita, che mi fanno avere del rancore e mi rendono incapace di perdonare veramente. Francisco mi aiuta a capire e riscoprire la gioia che c'e dietro un vero perdono.

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Banana-Bacela

Tornando dalla città, oggi, mi sono fermato a comprare delle banane ad una bancarella. 
Mi ha accolto un giovane con un bel sorriso, coperto con un cappuccio, per proteggersi dal freddo dell'inverno mozambicano. Un grande vento sollevava un polverone di sabbia che avvolgeva la bancarella. 
Mi ha venduto le banane e, prima di ripartire, è andato dietro la bancarella a cercare qualcosa. 
Si è riavvicinalo allo sportello dell'auto e mi ha porto una bella banana, dicendo: "isto é bacela" (questo è un regalo). 
La banana offerta da un giovane che sta tutto il giorno al freddo, in mezzo ad un polverone; un giovane la cui speranza di vivere è legata alla vendita di quel numero di banane...; un giovane che lotta per strappare la vita dalla miseria... eppure é capace di offrire una "bacela". 
L'ho ringraziato e ho continuato la mia strada, mangiando quella banana-bacela e mentre la commozione prendeva il sopravvento mi sono ricordato della parole di Gesù: "l'…

Il piccolo venditore di banane

Ieri, tornando dalla città, mi sono fermato lungo la strada che conduce dal centro di Maputo alla periferia, per comprare delle banane. 
Le bancarelle di frutta sono dei carrettini tirati dalle persone, stazionati lungo la strada uno dietro all'altro. 
Da lontano ne scelgo uno a caso. Avvicinandomi con la macchiana, intravedo un uomo seduto su di un muro, con il carrettino a pochi metri, e penso sia lui il proprietario. Normalmente all'avvicinarsi di un cliente, questi venditori subito corrono per non perdere l'occasione di vendere.  
Stranamente il mio non si muove. Fermo la macchina e lo guardo per pochi secondi, chiamandolo con lo sguardo meravigliato per il fatto che non si avvicinasse. 
Mentre guardo indietro fissando quell'uomo, mi appare dal finestrino della macchina un pezzo di volto di un bambino che, per la poca altezza, non raggiunge neanche il finestrino. 
La mia sorpresa è stata grande quando gli ho chiesto se fosse lui il venditore di banane. "Si" - …

Non ho ora!

Quando Dio vuole farti un dono, aprire i tuoi orizzonti sa bene come combinare le cose. 
Oggi, a fine pomeriggio, tra una corsa e l'altra, uscivo di casa in auto per recarmi in città. Era l'ora di chiusura dei lavori dell'impresa che sta costruendo alcune strutture nella missione.  Arrivato al portone di casa, vedo Ismaele bere un sorso di acqua dal rubinetto che abbiamo messo vicino alla porta per permettere ai passanti di bere tranquillamente senza chiedere il permesso.  Mentre attraverso il portone della missione, qualcosa (QUALCUNO???) mi dice di chiedere a Ismaele se ha bisogno di un passaggio per tornare a casa. Subito accetta.  Nel breve tragitto di pochi km, gli chiedo l'età (17 anni) e con chi vive (la zia), se ha smesso di studiare e in che classe si trova.  "Padre frequento la nona classe (III media), studio di notte. Adesso corro in casa mi lavo rapidamente e vado a scuola fino alle 21.30".  E poi? "Torno a casa e studio".  "Fino a che ora?…