Passa ai contenuti principali

Casa della Misericordia

Sta partendo il progetto per l'accoglienza e la reintegrazione degli ex detenuti "Casa della misericordia".
L'Arcivescovo di Maputo, Mons. Francisco Chimoio, ha dato la sua benedizione per l'inizio di questo "sogno" che stiamo avviando come Pastorale Penitenziaria diocesana.

Infatti una delle principali sfide che abbiamo davanti è avere un luogo, fuori dalle carceri, nel quale gli ex detenuti, a maggioranza giovani dai 17 ai 22 anni, possano trovare, dopo il percorso di formazione nel programma "Laboratorio della libertà" compiuto in carcere, un centro dove poter sostare un tempo, continuando a "riciclarsi" con studio, lavoro, preghiera e vita comunitaria, per poter reintegrare la società e la famiglia.





Abbiamo ricevuto un terreno di un ettaro dall'Amministrazione comunale di Marracuene per questa finalità.



Con un gruppo di 40 giovani del Centro di accoglienza e scuole professionali delle Suore Francescane Ospedaliere del Mumemo abbiamo organizzato la "pulizia del terreno", terminando poi questa avventura di amore e di solidarietà con una pastasciutta italiana.








Il terreno c'è e come diceva Fernando Pessoa, un poeta portoghese: Deus quer, o homem sonha e a obra nasce (Dio vuole, l'uomo sogna e l'opera nasce).

Si, sogno e sogniamo che questo centro aiuti tanti fratelli ad incontrarsi con la Misericordia di Dio e a trovare una nuova vita.

Sogniamo insieme chiedendo a Dio la Sua benedizione, nella preghiera. Grazie.













Commenti

  1. Grazie Antonio che ci permetti di poter partecipare un po' alle belle opere che stai/state realizzando in quella Terra cosi' lontana. Che Dio ti benedica Antonio. Vedo che anche li la pastasciutta e' sempre gradita, ottima scelta👍

    RispondiElimina
  2. Grazie Antonio che ci permetti di poter partecipare un po' alle belle opere che stai/state realizzando in quella Terra cosi' lontana. Che Dio ti benedica Antonio. Vedo che anche li la pastasciutta e' sempre gradita, ottima scelta👍

    RispondiElimina

Posta un commento